Montecatini. Sei ore di vertice a Firenze sulle Terme

14/02/2002


MONTECATINI
CRONACA




mercoled� 13 febbraio 2002
Sei ore di vertice a Firenze sulle Terme
Regione, Comune, amministratori e Vitawell ieri a confronto
Identikit di Fineco Capital, il fondo chiuso Bipop che ha il 34% del gruppo

f.b.

MONTECATINI. Certo non � stato un incontro di meri convenevoli: lo testimonia la durata. Ingresso negli uffici della Regione (Consiglio regionale, via Cavour): 14,30. Uscita dal palazzo: 20,05. Quasi sei ore di confronto, tutt’altro che abbozzato, per le tre �parti� della privatizzazione termale: la Spa Terme di Montecatini, con il tridente Rumi-Lenzi-Giusti; la propriet� degli stabilimenti con il tandem Severi (sindaco del nostro Comune); e naturalmente Mauro Scaramucci, il leader di Vitawell Spa, gruppo ascolano del fitness che ha vinto la gara per la gestione e ora deve formalizzarla, perfezionando contratti e accordi.
Un vertice estenuante, con all’ordine del giorno tanti complessi ingranaggi della privatizzazione termale montecatinese. Si � parlato di immobili, contratti e di tempistica. Intanto, pu� essere utile approfondire la conoscenza di un partner decisivo per Vitawell.
Nel soggetto in gara per le Terme (International Spa), Fineco Capital presidia una quota importante, per 7 milioni 900mila su un capitale sociale di 22,9 milioni. Si tratta di circa il 34%. � la stessa percentuale che traccia la presenza Fineco Capital in Vitawell. Cos’� Fineco Capital, socio di importante minoranza in questa operazione? � un fondo chiuso promosso da Bipop. Ricordate la famosa presentazione internazionale del bando di gara, a Bruxelles? Come in un gioco del destino, nella vicenda Terme torna il nome della citt� belga: anche se in effetti la gara si � dimostrata pi� che mai italiana, con un gruppo di ascoli in lizza contro cordate locali. Perch� Bruxelles? Perch� negli uffici dell’Unionme Europea vie e gestito lo European investment fund (Eif), ente che ha lo scopo di fornire contributi allo sviluppo delle piccole e medie aziende. E il 7 novembre scorso l’Eif ha stanziato 4,5 milioni di euro a Fineco Capital. Il fondo che parteciper� alla gestione delle Terme ha sede in Lussemburgo: la Bipop ha versato negli anni 2000-01 la bella cifra di 80 milioni di euro. Le partecipazioni minoritarie sono di Fondazione Manodori, Reale Mutua (2 milioni di euro in due) e Panafill, una societ� con base a Nassau, Bahamas, per altri 2 milioni. Fineco Capital sta investendo in piccole aziende considerate con forti margini di sviluppo. Esempi: Jean Kleber (moda), Coccinelle (accessori abbigliamento), Netsystem (telecomunicazioni), Piquadro Spa (pelletteria hi-tech). E, appunto, Vitawell di Ascoli.




L’assessore regionale al turismo Susanna Cenni e il sindaco di Montecatini Ettore Severi (foto Nucci)