“Montecatini 3″ Altri guai per Scaramucci denunciato anche da Wellnet

05/11/2004

              venerdì 5 novembre 2004

              Pagina 1 – Montecatini 

              Nuova ipotesi di appropriazione indebita  
              Altri guai per Scaramucci denunciato anche da Wellnet

              MONTECATINI. I dieci milioni di euro sottratti dalle casse delle Terme e dirottati in quelle di Vitawell non sono più soli. Alla Procura della Repubblica di Ascoli è stata infatti depositata una nuova denuncia nei confronti di Mauro Scaramucci per una presunta appropriazione indebita di 15,5 milioni effettuata ai danni di Wellnet spa (società controllata da Vitawell per l’88%). A questo punto la Procura potrebbe anche decidere di unire in un unico fascicolo le due pratiche.

               Scaramucci, da tempo al di fuori di ogni carica dirigenziale nel gruppo una volta da lui controllato, sostiene che i 25,5 milioni costituiscono un temporaneo tamponamento necessario a calmare le acque che si erano fatte agitate attorno a Vitawell. Questo a causa di un mancato supporto di liquidità da parte di Fineco Capital, la quale possiede azioni di Vitawell per il 28%. Tale iniezione di denaro avrebbe dovuto bloccare un circolo vizioso che, a dire di Scaramucci, si è innescato con l’acquisizione della Jean Klebert, azienda ferrarese specializzata in attrezzature per estetica e prodotti cosmetici. L’imprenditore ascolano afferma infatti di aver pagato 46 miliardi di vecchie lire una società che aveva un buco (a lui sconosciuto in quanto le certificazioni sull’azienda erano buone) di 40 miliardi di lire.


               Ma se queste sono le notizie tempestose per Scaramucci, all’orizzonte si affaccia anche uno squarcio di sereno. Giovedì prossimo dovrebbe tenersi un incontro per definire il piano di salvataggio di Vitawell, che ha già ricevuto un primo consenso da parte di tre banche e due fondi di primaria importanza. Un interessamento da parte del mondo economico e finanziario che si spiega con il clima di fiducia che circola attorno al mondo del benessere (un settore definito da molti analisti in costante crescita e fruttuoso per gli investitori) e nelle ottime performance che gli stessi Centri Tonic stanno evidenziando da diverso tempo.