MODENA: SCIOPERANO I LAVORATORI PUBBLICHE AFFISSIONI

17/09/2010

17 settembre 2010

Modena: scioperano i lavoratori pubbliche affissioni


È iniziato il 16 settembre e proseguirà per altri due giorni lo sciopero degli addetti alle pubbliche affissioni con presidio previsto davanti all’ufficio Affissioni del Comune.

La mobilitazione è stata indetta dalla Filcams/Cgil per chiedere garanzie occupazionali per gli 8 lavoratori di Progetto Lavoro Scarl, la ditta che ha in subappalto il servizio affissioni
da parte di Atcm, concessionaria a sua volta del servizio per conto del Comune di Modena.
L’appalto scade il 31 dicembre 2010 e la nuova gestione dell’appalto del servizio di riscossione tributi e affissioni (di cui si conoscerà l’esito il 4 ottobre) ha davanti a se molte incognite.
“Non sono infatti previste tutele per gli 8 lavoratori che operano in regime di subappalto per conto di Progetto Lavoro – spiega Adriano Montorsi di Filcams/Cgil – e “Atcm ha già fatto sapere che, in caso di nuova aggiudicazione, tenderà a risparmiare.

“E’ inevitabile prefigurare un nuovo subappalto gestito al totale ribasso – continua Montorsi – I lavoratori, alcuni dei quali occupati in questa attività anche da 15 anni, si ritroveranno davanti a due possibilità, perdere il posto di lavoro o vedersi tagliare gli stipendi al limite della sussistenza”.
La Filcams/Cgil chiede dunque al Comune di Modena, che ad oggi si è reso disponibile ad un primo incontro esplorativo nel merito della questione, di intervenire con tutti i mezzi per preservare i posti di lavoro e le condizioni retributive dei lavoratori. L’azienda, invece, l’Atcm non ha ad oggi risposto alle richieste del sindacato, lasciando intendere che, all’occorrenza, avrebbe già contatti con aziende disposte a lavorare a cifre sensibilmente inferiori, anche del 30-35%, rispetto alle attuali condizioni.