Miroglio rinforza i punti vendita

28/03/2001



 



Martedì 27 Marzo 2001

Nel 2000 il fatturato del gruppo ha toccato i 1475 miliardi, salendo del 10%
Miroglio rinforza i punti vendita
Entro l’anno altri 50 negozi e 230 assunzioni
Giuseppina Fiori
ALBA Progetti di sviluppo per il gruppo Miroglio-Vestebene, che nel 2000 ha fatturato 1475 miliardi (»10% sul ’99), con un utile netto di circa 110 miliardi. Entro quest’anno, la divisione Vestebene aprirà cinquanta negozi di abbigliamento femminile in tutta Italia e assumerà circa 230 persone. I nuovi esercizi andranno ad aggiungersi ai trecento negozi già operanti in Italia e all’estero.
Il colosso tessile albese è alla ricerca di cinquanta gerenti dei punti vendita, dieci gerenti itineranti, cinque ispettrici, cento venditrici, cinquanta apprendiste commesse, dieci vetriniste e cinque visual merchandiser con esperienza e disponibilità a trasferte.
Quattro negozi saranno aperti a Torino e porteranno a sette i punti vendita nel capoluogo piemontese. Tra le altre città interessate alle aperture, ci sono Aosta, Asti, Cuneo, Milano, Pavia, Como, Bergamo, Brescia, Voghera, Vicenza, Verona, Trieste, Genova, Savona, Sanremo, Bologna, Ravenna, Savignano (Forlì), Perugia, Pisa, Grosseto, Roma, Napoli e Catania. In espansione la rete commerciale anche all’estero: tra le aperture più recenti, Monaco di Baviera, Mosca e Kuwait. Mauro Davico della direzione Vestebene, commenta: «La strategia aziendale è sempre più orientata all’apertura di punti vendita monomarca, pur garantendo il massimo supporto al commercio tradizionale dei negozi multimarca».
I negozi dell’industria albese portano il nome del marchio trattato nel negozio: «Motivi», «Oltre», «Caractère» e «Elena Mirò». Le interessate alle assunzioni possono rivolgere domanda a: Vestebene-Miroglio spa via Santa Barbara 11, 12051 Alba (Cuneo); fax 0173/299.550. Via e-mail:risorse umane@vestebene.com.
Copyright ©2001 Scrivi alla Redazione Credits Publikompass