Servizi Informatici, esito incontro 02/02/2016

Roma, 11 febbraio 2016

il 2 febbraio 2016 si è svolto a Milano l’incontro programmato con l’azienda Servizi Informatici, finalizzato, a fare il punto sulla situazione generale relativo all’andamento economico e alle prospettive per tutto il 2016.

Per quanto riguarda la chiusura del 2015, seppur non sono ancora disponibili i dati definitivi di bilancio, si è registrato, nonostante un incremento del fatturato di circa 3 milioni di euro, un’ulteriore diminuzione della marginalità. Tale situazione è determinata dall’evoluzione del mercato del settore che sempre più si orienta sulla richiesta di servizi e manutenzione, vedendo una vertiginosa riduzione dell’acquisto di nuovi hardware. Altro elemento che viene evidenziato, è la conseguenza derivata dalla rinegoziazione unilaterale dei contratti con soggetti pubblici costretti a applicare dei tagli imposti dalla spending review, e ai ritardi dei pagamenti da parte dei propri clienti.

Per quanto riguarda la prospettiva per il 2016, la previsione è quella di cercare di confermare quanto ottenuto nel 2015, cercando di acquisire nuovi clienti che vadano a colmare la perdita di tre importanti commesse come Banca Carige, Olidata e Borse Italiane.

L’impresa ha infine dichiarato che, seppur con lievi segnali di miglioramento, ad oggi registra ancora una sofferenza in termini di sostenibilità economica. Tra le misure che intende intraprendere per far fronte alla situazione descritta, ha iniziato un processo di razionalizzazione dei costi a partire dalla riduzione delle collaborazioni esterne e dalla rinegoziazione dei canoni di affitto dei beni strumentali. Per quanto riguarda la situazione occupazionale, l’azienda ha dichiarato che allo stato attuale l’organico è composto complessivamente di 84 unità lavorative. Tra questi sono compresi quattro dipendenti che attualmente operano in distacco presso l’azienda che si è aggiudicata la gara di Banca Carige.

Purtuttavia, Servizi Informatici ha dichiarato di non voler intraprendere percorsi traumatici finalizzati alla riduzione del personale, ma avrà la necessità di accedere all’utilizzo di un nuovo periodo di CIGS. Infatti nei giorni successivi all’incontro ha inviato alle OO.SS. e al Ministero del Lavoro la richiesta di esame congiunto per la concessione del suddetto ammortizzatore sociale, che troverete in allegato.

Sarà nostra cura informarvi tempestivamente della data dell’incontro ministeriale, non appena riceveremo la convocazione del Ministero del Lavoro.

                          p. la Filcams Cgil Nazionale
                          Sandro Pagaria