Milano. L’Ortomercato si ferma: poca sicurezza

31/05/2005
    martedì 31 maggio 2005

    LA PROTESTA
    L’Ortomercato si ferma
    I sindacati: poca sicurezza
    Ieri presidio e volantinaggio. Le merci non sono state scaricate né vendute
    Poca sicurezza, sciopero alla Sogemi
    La Cgil: condizioni di lavoro precarie e strutture fatiscenti. L’azienda: pronti al dialogo

      Cassette di frutta e verdura sui camion. Nessuno a scaricare. Merce abbandonata. Affari azzerati. Lo sciopero dei lavoratori della Filcams-Cgil ha paralizzato l’attività dell’ortomercato. Dalla serata di domenica, per l’intera nottata, picchetti e volantinaggio hanno impedito vendite e acquisti. A spiegare le motivazioni della protesta, il segretario generale della Camera del lavoro, Giorgio Roilo: «La struttura è fatiscente, completamente abbandonata. E questo provoca conseguenze sia sulle condizioni del lavoro, sia sulla qualità delle merci».

      Secondo la Cgil c’è poi una problema di microcriminalità, del quale il sindacato ha già parlato al prefetto Bruno Ferrante, chiedendo un suo intervento. «Una situazione di caos – continua Roilo – nel quale si alimentano anche condizioni di lavoro illegale».
      La Cgil è di fatto l’unico sindacato rappresentato all’interno dei mercati. L’iniziativa di domenica notte è riuscita fermare l’attività, anche se in vista dello sciopero molti clienti avevano fatto rifornimento il giorno prima.

      I grossisti si schierano apertamente contro lo sciopero: «Siamo stati i più danneggiati – spiega Furio Lovati, presidente dei grossisti del settore ortofrutta – riteniamo che questo sciopero sia stato strumentale. Avevamo già avuto una serie di incontri con l’azienda, ai quali ha partecipato anche il sindacato, prima di decidere di abbandonare il tavolo. Non credo che ci sia stata una reale volontà di dialogo. E comunque a subire le conseguenze dello sciopero sono stati solo gli operatori, non l’ente».

      La stessa spiegazione arriva dalla Sogemi, società che gestisce l’ortomercato. In una nota diffusa in serata, l’azienda precisa che «dal 19 aprile 2005 ha dato vita a un tavolo di lavoro sul rispetto delle normative contrattuali e di tutela delle condizioni di lavoro, da cui Filcams Cgil e Filt Cgil si sono dissociate senza dare precise motivazioni».
      Paolo Lombardi, neopresidente della Sogemi precisa che «la tutela delle condizioni di lavoro e il rispetto delle normative contrattuali costituiscono una priorità nell’agenda del nuovo consiglio di amministrazione».

      G. San.