Milano: I sindacati: “Ci sono posti a rischio”Rinascente e Zara protestano i lavoratori

11/06/2008

LA REPUBBLICA Milano

Domenica 8 giugno 2008

CRONACA

Il caso

I sindacati: “Ci sono posti a rischio”
Rinascente e Zara
protestano i lavoratori

Sabato di shopping con proteste alla Rinascente e da Zara di Corso Vittorio Emanuele per lo sciopero dei dipendenti che, a poche centinaia di metri gli uni dagli altri, hanno organizzato due presidi davanti alle vetrine dei rispettivi negozi. Nel caso della Rinascente, i dipendenti hanno protestato perché il piano industriale concordato nel 2005, dicono i rappresentanti dei sindacati confederali, prevedeva la ristrutturazione dei punti vendita e nuove aperture “mentre per ora si vedono solo chiusure”. Come quelle dei negozi di Bergamo, Grugliasco e Bari. “Ma – spiega Gabriele Fiorino, Segretario della UilTuCs – ci hanno detto che la Rinascente Napoli chiuderà a fine anno, mentre Palermo e Roma sono in difficoltà”. Per questo i sindacati hanno chiesto “l’intervento del ministro del Lavoro per discutere del nuovo piano industriale che salvaguardi i posti di lavoro”.
Da Zara, invece, lo sciopero è il primo proclamato in un punto vendita italiano. A organizzare la protesta è la Cgil che lamenta “turni di lavoro troppo rigidi, atteggiamento ostile da parte dei responsabili e l’alto tasso di precarietà dei lavoratori”. Secondo i dipendenti, i lavoratori assunti sono il 40% contro un 60% di precari e, dal momento che il negozio è “in sotto organico spesso viene richiesta massima flessibilità sui turni e sulla collocazione nei punti vendita”. Per discutere di questi, e altri problemi, il sindacato chiede un incontro urgente con l’azienda, il gruppo spagnolo Inditex.
(t.m.)