Milano. Guardie giurate in caserma, i sindacati: vogliamo garanzie

18/07/2002


GIOVEDÌ, 18 LUGLIO 2002
 
Pagina 11
 
Guardie giurate in caserma I sindacati: vogliamo garanzie
 
 
 
            Vigilantes nelle garitte delle caserme, si mobilitano i sindacalisti. I delegati delle guardie giurate di Vigilanza città di Milano vorrebbero informazioni, chiarezza, garanzie. L´ingaggio dall´Esercito, dicono, è piovuto in testa agli operatori. Così hanno chiesto di parlare dell´argomento nella riunione in programma oggi. Il segretario della Filcams Cgil, Santino Pizzamiglio, già annuncia battaglia. «Gli aspetti più spinosi dei servizi nei siti militari riguardano l´uso delle armi, il tipo di immobili da presidiare, la compatibilità tra le competenze rigide previste da leggi e contratto e le nuove mansioni. Noi possiamo sparare solo per legittima difesa, non siamo autorizzati a fare perquisizioni». Il sindacalista cercherà intanto di sapere se «come previsto è stata data comunicazione alla polizia e se il Viminale è al corrente». In questura sembrano spiazzati dalla notizia. «Abbiamo chiesto ai funzionari della Divisione amministrativa di esaminare la questione – accennano, ricordando i poteri di controllo e di sanzione – In teoria, gli istituti di vigilanza ci devono notificare ogni tipo di servizio effettuato».