MICRO_Project

MICRO
Managing the Information and Consultation Rights Opportunity

Conferenza Europea

Madrid 30 e 31 maggio 2012

Il 30-31.05.2012 si è svolta a Madrid la terza ed ultima Conferenza Europea, che ha avuto come tema in tutti e tre gli incontri la Direttiva 2009/38/CE del Parlamento europeo, riguardante l’istituzione del Comitato aziendale europeo (CAE) o di una procedura per l’informazione e la consultazione dei lavoratori nelle imprese e nei gruppi di imprese di dimensioni comunitarie.
Il primo giorno, gli esperti hanno analizzato alcuni articoli della Direttiva, che vertono sui seguenti temi (art. 8, art. 12, art. 13 e art. 14):

    -coordinamento dei livelli nazionale e transnazionale;
    -gestione delle informazioni riservate ed eventuali conseguenti violazioni, rimedi e sanzioni;
    -mutamenti organizzativi e strutturali del CAE, rinnovi accordi CAE e nuovi accordi.

Poi, sono intervenuti i rappresentanti sindacali di vari paesi quali Bulgaria, Francia, Regno Unito, Spagna e Italia, che hanno illustrato la situazione specifica della loro realtà lavorativa e il ruolo, non affatto facile, svolto in tale ambito dal delegato CAE.
Il giorno successivo, i temi affrontati sono stati il Patto Fiscale, il contratto sociale europeo, la crisi economica e finanziaria e il ruolo dei Comitati aziendali europei.
Ad approfondire tali argomenti sono intervenuti gli esperti, un rappresentante della Confindustria, il presidente della CES (Confederazione Europea Sindacati), intervallati dalle considerazioni degli esponenti della CGIL, della CISL, della UIL e del Sindacato Spagnolo.
In sintesi, i punti fondamentali emersi in questo incontro sono i seguenti:

    -il CAE è un organo d’informazione e consultazione e non un soggetto contrattuale;
    -esso deve essere costituito da rappresentanti sindacali e non da delegati aziendali;
    -la formazione dei rappresentanti sindacali CAE è fondamentale per permettere di gestire le informazioni ricevute a livello europeo e deve essere svolta dalle organizzazioni sindacali nazionali;
    -attualmente, vi è una scarsa conoscenza del CAE e del suo ruolo e spesso la sua attività viene ostacolata dalle aziende.

La nuova direttiva 2009/38/CE svolge perciò una funzione fondamentale perché dovrebbe contribuire ad aumentare il numero dei Comitati e a garantire il loro corretto funzionamento.

A cura di Laura Galiazzo