MercatoneUno – Verbale Accordo M27 Cesena

Verbale di accordo

In applicazione dell’accordo del 26 febbraio 2003 intervenuto fra Mercatone Uno Services S.p.A. e Filcams CGIL Fisascat CISL Uiltucs UIL presso la Divisione IV del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali; delle Circolari della Divisione VII dello stesso Ministero dell’11/11/02 e del 10/02/03

fra la ditta M.Ventisette Srl, rappresentata dal Sig. Paolo Suzzi

la RSU nelle persona di Cosenza Anna
assistita dalla Filcams CGIL di Cesena rappresentata da Paolo Montalti e dalla Fisascat CISL di Cesena rappresentata da Gianluca Bagnolini

si è raggiunto il presente accordo ai sensi dell’art.4 della Legge n.300/1970:

1.il presente accordo sostituisce l’autorizzazione della DPL Forlì Cesene Prot. N° 039011 del 30/10/2002 e recepisce l’accordo nazionale firmato il 26.02.2003 ( All. A) e la lettera Circolare del Dott.Pennesi ( All. B) e le precisazioni della stessa ( All. C ) ;
2.le n. 6 telecamere saranno posizionate nei seguenti punti: Corner oro; casse; Hi-fi; il led luminoso all’ufficio clienti, come da pianta allegata ( All. 1 );
la tecnologia utilizzata è quella descritta in Allegato ( All. 2 ).

      Eventuali modifiche ai posizionamenti delle telecamere, di cui all’allegato 1, e del segnalatore luminoso, saranno oggetto di negoziazione preventiva.

3.Quanto all’utilizzo delle chiavi di accesso alla cassaforte in cui è ubicato il sistema di registrazione viene recepito quanto previsto al punto 1) della Circolare di Pennesi ( All. B ) e quanto previsto al punto 1) dell’accordo All. A.

      I lavoratori sono stati informati dalla RSU, ai sensi del punto 4 della Circolare 1697/2002. La RSU ha facoltà di nominare un sostituto cui verrà, consegnata la chiave in caso di assenza.

4.La RSU o eventualmente il sostituto :
-in applicazione del punto 2 dell’accordo 26.02.03 sarà preventivamente informato dalla RSA di Mercatone Uno Services S.p.A. dell’attivazione del collegamento
-informerà, ai sensi del punto 4 della Circolare 1697/2002, i lavoratori nuovi assunti.

    5.Eventuali duplicati delle chiavi, a esculisiva disposizione delle Autorità di Pubblica Sicurezza e da utilizzarsi a seguito di “ fatti delittuosi”, saranno custoditi in cassaforte, in busta chiusa e sigillata a firma congiunta del direttore e delle RSU.
    6.“ in ogni caso le visioni in tempo reale e le relative registrazioni non potranno costituire supporto all’accertamento dell’obbligo di diligenza del lavoratore ( o comunque essere occasione indiretta per tale accertamento ) e all’adozione di atti sanzionatori a suo carico”

      Cesena 10/04/2003

      Letto, confermato e sottoscritto

      Per le RSUper M.VENTISETTE

      Per le Filcams CGIL – FISASCAT- CISL