MERCATONE UNO/AIAZZONE – 12/04/2001 (C4539)

http://www.agcm.it/AGCM_ITA/DSAP/DSAP_287.NSF/799f5cc75ca61b4dc125652a0030642d/675d30d103cedfbbc1256a45002974c5?OpenDocument&Highlight=2,mercatone

C4539 – MERCATONE UNO/AIAZZONE


DATI GENERALI
tipo
Non avvio istruttoria
numero
9409
data
12/04/2001

PUBBLICAZIONE

Bollettino n.
15/2001


-Procedimenti collegati (articoli della legge 287/90)
- 6-Concentrazione tra imprese indipendenti (esito: Autorizzazione)


-Testo Provvedimento


      Provvedimento n. 9409
      ( C4539 ) MERCATONE UNO/AIAZZONE

L’AUTORITA’ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO

NELLA SUA ADUNANZA del 12 aprile 2001;

SENTITO il Relatore Professor Marco D’Alberti;

VISTA la legge 10 ottobre 1990, n. 287;

VISTE le due comunicazione della società Mercatone Uno Services Spa, pervenute in data 22 marzo 2001;

CONSIDERATO quanto segue:


1. Le parti


Mercatone
Uno Services Spa (di seguito MERCATONE UNO), società con sede legale ad Imola (BO), è la "holding capogruppo" di una serie di imprese operanti principalmente nella grande distribuzione di mobili, complementi d’arredo e articoli per la casa e per la persona. La società fornisce alle proprie partecipate e affiliate una gamma di servizi finalizzati a ottimizzare sia l’utilizzazione del marchio che la gestione complessiva. MERCATONE UNO opera mediante strutture commerciali attraverso grandi superfici di vendita localizzate prevalentemente in Italia Centro-Settentrionale.
Nel 1999
MERCATONE UNO ha realizzato un fatturato consolidato di circa 956 miliardi di lire.

Aiazzone Spa è una società, con sede legale a Calenzano (FI), attiva principalmente nella grande distribuzione di mobili e complementi d’arredo. Fra le proprie strutture commerciali rientra un punto vendita ubicato a Biella, che costituisce il ramo d’azienda oggetto dell’acquisizione in esame.
Nel 1999 tale ramo d’azienda ha realizzato un fatturato di circa 17 miliardi di lire.


2. Descrizione dell’operazione

L’operazione comunicata consiste nell’acquisizione da parte di MERCATONE UNO del ramo d’azienda costituito da un punto vendita ubicato in Biella.


3. Qualificazione dell’operazione

L’operazione, in quanto comporta l’acquisizione del controllo di una parte d’impresa, costituisce una concentrazione ai sensi dell’articolo 5, comma 1, lettera b), della legge n. 287/90.
Essa rientra nell’ambito di applicazione della legge n. 287/90, non ricorrendo le condizioni di cui all’articolo 1 del Regolamento CEE n. 4064/89, così come modificato dal Regolamento CE n. 1310/97, ed è soggetta all’obbligo di comunicazione preventiva disposto dall’articolo 16, comma 1, della medesima legge, in quanto il fatturato totale realizzato nell’ultimo esercizio a livello nazionale dall’insieme delle imprese interessate dall’operazione è superiore a 714 miliardi di lire.


4. Valutazione della concentrazione

I prodotti interessati dall’operazione in esame sono i mobili e complementi d’arredo.
Il mercato rilevante per la presente operazione può pertanto essere considerato come quello della distribuzione commerciale di mobili e complementi d’arredo, la cui dimensione geografica è di livello locale e dipende dai comportamenti di acquisto dei consumatori e in particolare dall’importanza da questi attribuita alla prossimità dei punti di vendita. In prima approssimazione si può ritenere che tale mercato abbia una dimensione geografica di ampiezza provinciale, anche se esiste per alcune categorie di consumatori una mobilità di più ampio raggio.
A seguito dell’operazione l’acquirente, attualmente assente dal mercato interessato nella provincia di Biella, verrà a detenere una quota del 14% circa.
L’operazione in esame, poiché consiste nella sostituzione di un operatore a un altro, non risulta idonea a produrre effetti significativi sulla struttura concorrenziale del mercato interessato.

RITENUTO, pertanto, che l’operazione in esame non determina, ai sensi dell’articolo 6, comma 1, della legge n. 287/90, la costituzione o il rafforzamento di una posizione dominante sui mercati interessati tale da eliminare o ridurre in modo sostanziale e durevole la concorrenza;

DELIBERA

di non avviare l’istruttoria di cui all’articolo 16, comma 4, della legge n. 287/90.

Le conclusioni di cui sopra saranno comunicate, ai sensi dell’articolo 16, comma 4, della legge n. 287/90, alle imprese interessate e al Ministro dell’Industria, del Commercio e dell’Artigianato.

Il presente provvedimento verrà pubblicato ai sensi di legge.


IL SEGRETARIO GENERALE
Rita Ciccone
IL PRESIDENTE
Giuseppe Tesauro

————————————————————————

http://www.filcams.cgil.it