Mercatone Uno M.Sette – Verbale Accordo 21/03/1995

VERBALE DI ACCORDO

In data odierna 21.03.95, presso la Sede del Mercatone Sette S.r.l. di Legnago, si sono incontrati il Sig. Lodi Pasini Mario, il Sig. Benasi Luciano e il Sig. Bari Gianfranco in rappresentanza della Ditta, il Sig. Boniotto Maurizio e la Sig.ra Zennaro Alessandra in rappresentanza dei lavoratori, assistiti per la Filcams-Cgil di Legnago dal Sig. Galia Pierangelo; dopo una lunga discussione sulla riduzione dell’orario contrattuale, si è concordato quanto segue:

  1. A partire da martedì 02.05.95 si andrà a dare piena applicazione a quanto previsto dal C.C.N.L. del Terziario secondo quanto previsto dall’ art. 31 definendo la settimana lavorativa su 38 ore medie settimanali con il conseguente assorbimento delle 72 ore di R.0.L.

L’orario di lavoro sarà così articolato:

        A) 38 ore di lavoro medio settimanale per N° 48 settimane comprensive delle ferie spettanti; le restanti 4 settimane sono da intendersi a 40 ore settimanali per il mese di dicembre di ogni anno.

        B) Per il raggiungimento della riduzione di orario descritta l’Azienda riconoscerà N° 24 ore in aggiunta alle 72 ore di R.O.L.

        C) All’interno della settimana lavorativa, per il solo periodo della riduzione dell’orario di lavoro e quindi per le 48 settimane indicate, si gestiranno i riposi settimanali il lunedì e un’altra mattina della settimana a turno fisso per ogni lavoratore.

        D) Per tutti i lavoratori verranno conservate 32 ore annue di Festività soppresse da utilizzare come permessi individuali.

2) Per le due lavoratrici Sig.na Pedron Giuseppina e Sig.na Boscato Laura data la lontananza delle residenze dal posto di lavoro, usufruiranno del riposo settimanale nell’intera giornata del lunedì utilizzando 1/2 ora dei permessi individuali per ogni settimana di lavoro nelle 48 soggette alla riduzione di orario.

3) Per altri lavoratori cui verrà richiesto il riposo settimanale pomeridiano, si applicheranno le stesse modalità indicate per le due lavoratrici suddette, informando preventivamente i delegati aziendali sulle motivazioni organizzative.

4) Per quanto non previsto dal presente accordo si farà riferimento al C.C.N.L. Terziario applicato in azienda.

5) Tale piano di riduzione di orario verrà verificato nella sua operatività, considerando sperimentale tale accordo, su richiesta di una delle parti.

Letto e confermato le parti:

Legnago, 21.03.95

La Ditta La FILCAMS CGIL I Lavoratori