MC DONALD’S: L’ACCORDO TRA AZIENDA E SINDACATI TERRITORIALI SCONGIURA 95 LICENZIAMENTI

01/10/2012

1 ottobre 2012

Mc Donald’s: l’accordo tra azienda e sindacati territoriali scongiura 95 licenziamenti

Dopo una settimana di assemblee e iniziative di lotta molto partecipate, il 28 settembre scorso la Filcams-CGIL, Fisascat-Cisl e Uiltucs-Uil di Milano e Mc Donald’s Italia hanno siglato un’ipotesi di accordo che prevede il ritiro della procedura di mobilità che riguardava 95 lavoratori.

I lavoratori del ristorante Mc Donald’s di Galleria che chiuderà il 15 ottobre, a causa del mancato rinnovo del contratto di affitto da parte del comune di Milano che ha affittato a Prada lo spazio, verranno quindi ricollocati nei ristoranti a gestione diretta della provincia di Milano e nessun lavoratore di quelli con profili orari superiori alle 30 ore settimanali verrà licenziato.

L’accordo sperimentale avrà durata di 6 mesi a partire dal 1 novembre e prevede alcuni cambiamenti, tra i quali la possibilità della trasformazione dei contratti part tiem in full time e una diversa turnazione alla quale verrà corrisposta un’indennità di disagio.

I sindacati hanno giudicato positivo l’accordo: “Innanzitutto” afferma la Filcams Cgil di Milano “per la ricollocazione dei 65 lavoratori di Milano Galleria. Poi perché, oltre ad aver escluso i 95 licenziamenti ipotizzati, si prevede la possibilità di trasformare il contratto part time in full time per circa 80 di lavoratori. Inoltre, il disagio dovuto ad una diversa organizzazione dell’orario per i lavoratori full time viene riconosciuto. Se tale sperimentazione dovesse andare a buon fine i lavoratori coinvolti potrebbero contare su un incremento retributivo che su base annuale vale una mensilità aggiuntiva.”

L’accordo dimostra che il confronto con le organizzazioni sindacali e una concertazione basata sulla riconoscimento delle esigenze di entrambe le parti può portare risultati positivi per tutti, a partire dai lavoratori che sono la prima risorsa delle aziende della ristorazione.

L’accordo prevede incontri di verifiche sull’applicazione. Allo scadere dei 6 mesi, a partire dal 1 aprile 2013 le parti si incontreranno per valutare l’esito della sperimentazione.
Nei prossimi giorni si terranno le assemblee in tutti i ristoranti per la consultazione dei lavoratori e una volta approvato l’accordo verrà presentato ai lavoratori per la consultazione, solo dopo si procederà alla firma definitiva.