Matera. In attesa del «cavaliere bianco»

23/02/2006

    mercoled� 22 febbraio 2006

    A Milano una dichiarazione allarmante dell’amministratore del gruppo

      Scanzano Jonico – Alle due strutture ricettive joniche sono state intanto tagliate le forniture dei servizi in rete

      In attesa del �cavaliere bianco�

        Cit Holding, brutte notizie dalla Bit: senza investitore niente salvataggio

          Filippo Mele

          SCANZANO JONICO – I due megavillaggi realizzati dalla Cit Holding sul litorale del Comune del Metapontino sono chiusi. E non si sa se riapriranno la prossima estate. I circa 300 dipendenti, la gran parte stagionali, ci sperano anche se le notizie che giungono da Milano non sono buone. Pare, infatti, che il Gruppo Soglia, di Salerno, in trattative da mesi con il detentore del pacchetto di maggioranza della spa, Gianvittorio Gandolfi, abbia rinunciato a subentrare. Tant’� che alla Bit di Milano, parlando di �Il salvataggio, la ristrutturazione ed il rilancio del gruppo Cit�, il presidente del Consiglio di amministrazione, Giulio Macr�, ha detto che �se non ci sar� l’intervento di un cavaliere bianco (come vengono denominati coloro che hanno opzioni sui pacchetti di maggioranza delle societ�, ndr), capace di garantire il salvataggio del gruppo entro il 3 marzo, l’accesso alla legge Marzano (la procedura di ristrutturazione industriale delle grandi imprese in stato di insolvenza) sar� inevitabile�.

          Insomma, se alla ventiseiesima edizione della Bit c’� una Basilicata che ride, quella legata per la gran parte ad imprenditori locali, ce n’� un’altra che piange, quella legata alle spa con la �testa� fuori regione, nel caso a Varese. Macr�, ad ogni modo, cos�, ha continuato: �Il nostro obiettivo � salvare la societ�, che da anni versa in una crisi profonda resa pi� difficile dall’attentato alle Torri Gemelle nel settembre 2001, mentre si attendono le risposte del sottosegretario alla presidenza del Consiglio dei ministri, Gianni Letta, e del ministro delle Attivit� produttive, Claudio Scajola, per la convocazione di un tavolo istituzionale�. I tempi sono strettissimi.

          Entro il 3 marzo Cit dovr� depositare una memoria illustrativa presso il Tribunale fallimentare di Milano, per poi aspettare 6 giorni dopo, il 9 marzo, l’udienza collegiale con pronunciamento del giudice sulla procedura della dichiarazione di fallimento di Cit e di Cit Viaggi. Ricordiamo che, sinora, la Holding turistica ha ottenuto la concessione di una garanzia statale su 75 milioni di euro, di cui 10 sono stati gi� erogati dalla Banca Popolare di Bari. Cinque sono stati utilizzati per pagare le retribuzioni arretrate ai dipendenti fino al 31 novembre 2005, gli altri 5 per finanziare il piano di rilancio. Macr� ha concluso ribadendo che �nessuna formalizzazione ufficiale � giunta in merito all’interessamento espresso dall’imprenditore Gerardo Soglia. Per me, che voglio salvare la societ�, i tempi possono essere infiniti ma per il presidente del Tribunale fallimentare non � cos�. E a latere delle dichiarazioni del presidente del consiglio di amministrazione di Cit, l’amministratore delegato di Valtur, Maria Concetta Patti, ha smentito l’ipotesi di accordi per la creazione di un polo turistico al Sud. �Non c’� nessuna trattativa in atto e non siamo assolutamente interessati ad un’ipotesi del genere�, ha troncato, di netto, Patti. Arriver� mai il cavaliere bianco-principe azzurro a salvare Cit?