Margherita Distribuzione, esito incontro 16/03/2020

Roma, 19 marzo 2020

Il giorno 16 marzo 2020 si è svolto l’incontro in conferenza telefonica per la procedura di Cigs attivata da Margherita Distribuzione per i punti vendita della ex-Auchan retail. Erano presenti il Dirigente del Ministero del Lavoro De Camillis e il sottosegretario del Ministero dello Sviluppo Economico Todde oltre ad altri esponenti e funzionari di entrambe i Ministeri.

L’azienda ha riepilogato la situazione in essere, ribadendo la volontà di raggiungere un accordo che contemporaneamente possa affrontare la procedura di mobilità della sede e la parallela cassa integrazione per la stessa per cessazione di attività e all’interno della CIGS per crisi della rete vendita prevedere un preaccordo per la procedura di mobilità per gli addetti dei punti vendita, entrambi le procedure con il criterio della non opposizione. L’azienda ha inoltre precisato gli ipermercati di Ancona, Cagliari Santa Gilla, Mestre e Padova e i supermercati di Arco e Motta Visconti non sono più compresi nell’intervento di cassa integrazione in quanto ceduti a terzi. L’impresa conferma che la cassa integrazione per la rete è preventiva alla cessione verso Conad o verso terzi.

La Filcams ha ribadito ancora una volta che, se pur ci sono stati avanzamenti costruttivi, in particolare sull’incentivo alla non opposizione al licenziamento, alcuni elementi importanti non hanno ancora permesso di individuare un accordo, tra questi il più rilevante risulta essere quello delle disponibilità alla ricollocazione da parte del mondo Conad che, al netto dei distinguo sulle ragioni sociali e sui vincoli giuridici, è quella che ha la responsabilità di aver guidato la riorganizzazione dell’impresa e la determinazione dei conseguenti esuberi. Per quanto riguarda la cassa integrazione ci sono ancora criticità sui criteri di rotazione. Resta ancora senza risposta la situazione degli appalti della Logistica che abbiamo prontamente denunciato al MISE.

È importante evidenziare che il Ministero del Lavoro ha posto dubbi concreti sull’ammissibilità di una CIGS per crisi per la rete vendita, considerando più idonea la causale della cessazione di attività. Elemento che il MdL si è riservato di approfondire riconvocando l’esame congiunto per il giorno 23 marzo 2020.

È probabile che nel frattempo ci sarà un nuovo passaggio in sede sindacale in videoconferenza su cui vi daremo aggiornamenti.

p. La Segreteria Filcams Nazionale

Alessio Di Labio