Marcegaglia divide le Rsu per fare l’accordo separato

09/03/2011

Nuovi assunti e relazioni industriali: Marcegaglia strappa coi sindacati. Dopo l’accordo nello stabilimento di Casalmaggiore, Cremona, sottoscritto unitariamente daIle Rsu aziendali, ieri nella fabbrica di Lomagna, in provincia di Lecco, i sindacati si sono divisi di fronte alla proposta di accordo sul salario d’ingresso dei nuovi assunti. La partita si gioca, fabbrica dopo fabbrica, sulle circa duecento assunzioni promesse dal gruppodella presidente di Confindustria.
Marcegaglia vuole pagare gli apprendisti con uno stipendio ridotto. Per farlo, denuncia la Fiom, il gruppo va avanti sulla strada del confronto diretto con le Rsu, senza rispettare gli accordi definiti a livello nazionale. «Questa mattina (ieri, ndr) – dice Mirco Rota, segretario generale della Fiom Cgil Lombardia – i rappresentanti dell’azienda hanno incontrato i delegati delle Rsu di Lomagnae hanno chiesto loro di firmare un documento che prevede l’assunzione di nuovi apprendisti a stipendio ridotto. Le Rsu della Fim Cisl e della Uilm Uil hanno firmato mentre quella della Fiom Cgil si è rifiutata di sottoscrivere il documento». Secondo il sindacalista il comportamento del gruppo «è stato a dir poco vergognoso perché non aveva mai parlato dell’eventualità di assunzione degli apprendisti in questo stabilimento ». Il15 marzo, data dell’incontro con l’azienda sulle linee guida, la Fiom Cgil – si legge in una nota – farà
il punto della situazione valutando le future azioni sindacali.