Mantova avrà shopping center da 85 milioni €

25/02/2002





Mantova avr� shopping center da 85 milioni €
Enrico Comaschi
(NOSTRO SERVIZIO)

MANTOVA – Destini incrociati, ancora una volta. Ma se ieri era per dar corpo ad una corazzata finanziaria per puntare al cuore di Telecom, oggi � per soddisfare le esigenze delle fashion victim sparse per tutta l’area che dalla Lombardia si spinge fino al cuore dell’Emilia e del Veneto. Mantova ha venduto un’area privata di 170mila metri quadrati a Bagnolo San Vito, proprio a ridosso dell’uscita autostradale dell’A22; Brescia ci ha messo, invece, una cordata di immobiliaristi pronti a investire, in due tranche, circa 85 milioni di euro in parte ricorrendo a mezzi propri, in parte con il sostegno di primari istituti di credito. Nascer� cos� un factory outlet da sessanta negozi: le griffe che puntano su Mantova sono ancora top secret, ma � solo questione di attendere qualche settimana, poi le aziende usciranno allo scoperto insieme al partner internazionale del settore chiamato dai bresciani a fornire il know-how gestionale. I lavori inizieranno entro il mese di marzo e daranno vita, in un anno, a una �citt� della moda� che ha gi� portato scompiglio fra gli operatori commerciali ben oltre i confini della provincia. Ma chi sta investendo sul progetto? Se ad eseguire materialmente i lavori e a firmare le carte per le concessioni urbanistiche � la Alfa 7, a condurre l’operazione � la Draco Spa, una holding di partecipazioni che ha come obiettivo principale gli investimenti immobiliari e la costruzione di parchi di divertimento (� gi� attiva nel Veneto). Spulciando l’elenco degli azionisti della Draco si scoprono nomi illustri. Il numero uno della societ� � Mario Dora, in passato partner dell’Aga Khan nella compagnia alberghiera Ciga Hotel e della Fiat in Valtur. L’altro personaggio di spicco � il vicepresidente, Luciano Marinelli, guida di Fingruppo, uno dei principali satelliti dell’universo-Hopa guidato da Emilio Gnutti (Fingruppo, comunque, non sarebbe coinvolta direttamente nell’investimento sull’outlet). Nel consiglio di amministrazione della Draco ci sono, inoltre, Giuseppe Taini, Cristiano Anessi, Mario Assisi, Giovanni Bulferetti, Marco Maria Colombo, Marco Del Barba, Emanuele Dora, Alessandro Faustini, Antonio Panigalli e Alfredo Platto. E se nei piani della Draco la citt� della moda di Mantova dovr� attirare migliaia di clienti in un raggio di 150 chilometri, l’operazione non si fermer� sulle rive del Mincio. Risultano gi� completamente autorizzati, infatti, altri due outlet: uno a Roma e l’altro a Molfetta, in Puglia.

Sabato 23 Febbraio 2002