Gruppo Manpower, esito incontro 16/03/2009

      Roma, 17 marzo 2009
      COMUNICATO
      Esito incontro del 16 marzo 2009 tra le Segreterie Nazionali OO.SS. e Manpower

      L’incontro tra Azienda e le OO.SS. Nazionali che si è svolto in presenza di ASSOLAVORO il giorno 16 marzo 2009, e che doveva essere utile per un approfondimento in vista dell’incontro fissato per il giorno 26 marzo c.a. in plenaria, ha visto le rispettive posizioni ancora distanti.

      L’Azienda infatti ha presentato un piano di recupero parziale dei lavoratori eccedenti affiancato da un piano incentivi inadeguato.

      Il piano infatti prevede, per quanto riguarda le filiali, l’applicazione del contratto di solidarietà per assorbire gli effetti degli accorpamenti ma le filiali in chiusura è previsto la risoluzione dei contratti a termine ma non l’applicazione del contratto di solidarietà, pertanto rimarrebbero 30 lavoratori non ricollocati;

      Analogo problema presenta il Backoffice, per il quale l’azienda propone il contratto di solidarietà per recuperare 12 lavoratori su 48, cosicché le eccedenze risulterebbero 36 . In sostanza in questo modo si mette a rischio l’occupazione di 60 lavoratori e gli incentivi proposti dall’azienda per favorire l’esodo volontario sono al massimo 8 mensilità.

      Le OO.SS. hanno chiesto di allargare l’utilizzo del contratto di solidarietà e di elevare il livello degli incentivi.

      L’Azienda ha ribadito le sue posizioni, e pertanto nell’incontro non si è individuata una possibile intesa.

      Per quanto ci riguarda rimane confermato l’incontro già programmato per il giorno 26 marzo 2009 con tutta la delegazione per continuare la trattativa e ci aspettiamo che non vengano messe in campo azioni unilaterali da parte dell’Azienda. Qualora questo non si verificasse, saranno attuate le necessarie iniziative a tutela dei lavoratori.

FILCAMS-CGIL
FISASCAT-CISL
UILTuCS-UIL