Manpower, esito incontro 15/07/2010

Comunicato Sindacale
Alle Lavoratrici e ai Lavoratori Manpower Spa

In data 15 luglio 2010 si è tenuto il previsto incontro con la direzione Manpower SpA.
L’azienda ha presentato i dati del primo semestre 2010 che evidenziano un aumento del fatturato del 11% rispetto al 2009. Tale aumento, seppur positivo, non si accompagna ad una conseguente ripresa della marginalità, che resta non in linea con le attese e disomogenea rispetto alle differenti linee di business. E’ stata operata una revisione dei budget unicamente per quanto riguarda il lavoro temporaneo come conseguenza dei diversificati e imprevisti risultati economici del primo semestre. Ciò ha comportato una conseguente rivisitazione da parte aziendale degli obbiettivi del sistema incentivante aziendale. Come OOSS abbiamo ribadito la nostra volontà di contrattare e discutere un premio di risultato all’interno di un contratto integrativo aziendale.. Abbiamo chiesto delucidazioni in merito al tema degli adeguamenti in materia di salute e sicurezza sul lavoro alla luce dell’obbligo normativo di ridefinire il documento di valutazione dei rischi con la valutazione da stress correlato, segnalando come per noi l’argomento sia di centrale importanza e come tale vada adeguatamente affrontato. Manpower Spa ha rassicurato di non volere sottovalutarne l’importanza attuando un attento monitoraggio delle criticità segnalate. In merito al piano di progressivi accorpamenti la direzione ha informato di alcune variazioni ( 7 sedi in piu’ rispetto a quanto previsto) e di come le soluzioni individuate abbiano solo in pochi casi comportato un cambiamento delle sedi operative degli addetti coinvolti.
L’attività dei progetti pilota (Lazio e Veneto) è stato segnalato essere all’oggi soddisfacente da un punto di vista dei riscontri economici.
Su temi da tempo oggetto di confronto fra le parti si è raggiunto un accordo in merito a reperibilità e part time post maternità. Sulla reperibilità sono stati sanciti i criteri organizzativi (volontarietà ed equa rotazione), comunicazione della calendarizzazione annua , preavviso, casi di esenzione, indennità economiche, fascia oraria ( 9.00 -18.00). Sul part time post maternità si è stabilito che la concessione del medesimo potrà avvenire per un minimo di sei mesi reiterabili, previa verifica, anche oltre il terzo anno di vita del bambino. A fronte della non concessione del part time per ragioni tecnico organizzative, ferma restando la possibilità di riverificare semestralmente la posizione, è stata prevista la possibilità di ottenere un orario di lavoro flessibile in entrata e in uscita che agevoli la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro. Le parti hanno poi previsto di continuare nel confronto alla ricerca di altre soluzioni ( progetti di conciliazione e introduzione del Job Sharing).
In merito alla questione sull’uso delle auto aziendali le OOSS hanno avanzato alcune proposte, alla luce di quanto emerso in sede di commissione tecnica, che l’azienda si è riservata di valutare attentamente, e cioè: introduzione della carta carburante o ridefinizione dei coefficienti di rimborso da sottoporre a rivalutazioni massimo quadrimestrali; allargamento del parco auto con l’inclusione di modelli diversi rispetto agli attuali, di in modo di offrire agli addetti la possibilità di scelta fra auto standard, auto di classe superiore (con la eventuale previsione di un contributo mensile a carico dell’ interessato) o utilizzo dell’auto di filiale.

p. La FILCAMS-CGILp. La FISASCAT-CISLp. La UILTuCS-UIL
Cristian SesenaDario CampeottoGabriele Fiorino

Roma, 20 luglio 2010