MANOVRA ECONOMICA: APPROVATO L’ART.8

05/09/2011

5 settembre 2011

Manovra economica: approvato l’art.8

Arriva la manovra economica e arriva la possibilità di derogare con i contratti aziendali e territoriali ai contratti nazionali ed alla legge. Anche sul licenziamento (ad eccezione per quello discriminatorio, per matrimonio o per gravidanza) e, quindi, all’art.18 dello Statuto dei lavoratori, la legge 300 del 1970 che impone, per le aziende sopra i 15 dipendenti, il reintegro nel posto di lavoro in caso di licenziamento senza giusta causa o giustificato motivo. Ora, con le modifiche apportate dalla maggioranza in commissione Bilancio al Senato all’art.8 del decreto, un accordo a livello aziendale o territoriale, raggiunto a maggioranza dai sindacati più rappresentativi, sarà sufficiente anche per licenziare.
“Il governo autoritario” il segretario generale della Cgil Susanna Camusso “annulla il contratto collettivo nazionale di lavoro e cancella lo Statuto dei lavoratori, e non solo l’art.18, in violazione dell’art.39 della Costituzione e di tutti i principi di uguaglianza sul lavoro che la Costituzione stessa richiama”.

Eliminato il comma che estendeva la facoltà di tenere aperti gli esercizi commerciali senza limiti di orario dalle località turistiche a tutte le città; Salve le feste laiche: il 1° maggio, il 25 aprile e il 2 giugno non verranno accorpate alla domenica. Niente da fare invece per le feste patronali: resta solo quella di Roma
Crescono le ragioni dello sciopero indetto dalla Cgil per il 6 settembre, e aumentano le adesioni alle diverse iniziative territoriali.