MANIFESTAZIONE PUBBLICO È FUTURO, LA SOLIDARIETÀ DELLA FILCAMS CGIL

07/10/2011

7 ottobre 2011

Manifestazione Pubblico è futuro, la solidarietà della Filcams Cgil

La Segreteria Nazionale Filcams-Cgil esprime piena solidarietà alla Flc e alla FP e parteciperà con proprie delegazioni alla manifestazione Pubblico è futuro, sabato 8 ottobre 2011 a Roma.

Gli obiettivi della manifestazione sono pienamente condivisi ed appartengono alla battaglia che la Filcams sta conducendo, nel quadro della mobilitazione lanciata dalla Cgil nel Paese, contro la politica economica e sociale del Governo e per un nuovo sviluppo.

Non esiste un terziario avanzato, senza una un sistema pubblico di qualità. L’idea che il settore terziario possa sostituire, da un lato, una solida base industriale e, dall’altro, uno stato sociale produttore di ricchezza, in termini di efficienza ed efficacia della Pubblica Amministrazione, di servizi alla persona e di offerta formativa avanzata si è dimostrata insostenibile ed impraticabile. In questo contesto, il terziario non farebbe che alimentare i processi di precarizzazione, già in atto al suo interno.

La Filcams-Cgil fa propri gli obiettivi della manifestazione anche per le conseguenze sul terziario dei tagli previsti dalla manovra economica del Governo, che si abbatteranno sui settori pubblici. Tanto nel settore della scuola, quanto in quelli della pubblica amministrazione, questi tagli provocheranno gravi contraccolpi all’occupazione, anche nelle attività di servizio appaltati alle imprese esterne, già pesantemente colpite dalle manovre finanziarie degli ultimi anni.

Così come, la difesa e la valorizzazione del lavoro pubblico, nella sua fondamentale funzione sociale, è parte della battaglia per la qualificazione delle risorse umane, alternativa alla politica di riduzione dei costi, del lavoro innanzitutto, che mostra il limite delle strategie fin qui perseguite, tanto dal mondo dell’impresa, quanto dal Governo.

Per questo, la Filcams-Cgil, oltre a partecipare alla manifestazione di sabato 8 ottobre, rinnova l’impegno alla costruzione di una iniziativa con F.P. e F.L.C., sulle principali problematiche comuni, a partire dal settore degli appalti, nel quadro di una fondamentale visione confederale della mobilitazione promossa dalla Cgil.