Maia, Verbale rinvio sindacale 17/11/1994

VERBALE DI INCONTRO

    INCONTRO PER LA VERIFICA CONGIUNTA DELLA SITUAZIONE AZIENDALE MAIA S.p.A. CONTEMPLATA DALL’ACCORDO SINDACALE DEL 25 MARZO 1994.

L’ anno 1994, il giorno 17 del mese di novembre, presso la sede della Confederazione Generale del Commercio, del Turismo e dei Servizi in Roma sono convenuti:

- per la MAIA S.p.A. i Sigg. Caratelli, Scarpa, Tranquilli, Ciarla

-per la FILCAMS – CGIL i Sigg. Giovanni Russo, Vladimiro Sacco

-per la FISASCAT.- CISL il Sig. Mario Marchetti

-per la UILTuCS – UIL il Sig. Michele Malerba

con i relativi Delegati facenti parte del Coordinamento Nazionale delle R.S.A. MAIA

- per la CONFCOMMERCIO i Sigg. Giuseppe Zabbatino, Arnaldo Fiorenzoni

La MAIA, nel quadro dei corretti rapporti sindacali a suo tempo stabiliti con le OO. SS., ha esposto

- l’andamento aziendale in relazione alle tendenze attuali del mercato ed alle prospettive per il 1995, caratterizzate in senso negativo dal mancato avvio di quella graduale ripre-sa nei settori in cui opera la MAIA, avvio che, in primavera, si riteneva potesse aver luogo nel secondo semestre 1994.

Dall’ esame dei dati disponibili 1’ Azienda dichiara che esiste un eccesso di costi relativi al personale di tipo contingente, conseguenza della mancata ripresa produttiva ed esuberi di tipo strutturale, che si verificheranno man mano e riconducibili anche alla futura attuazione del piano di riorganizzazione.

Gli esuberi in esame interessano le aree indirette, escludendo il personale che opera a contatto con la clientela.

L’Azienda ha inoltre presentato verbalmente alcune linee concrete relative al piano di riorganizzazione, pur riservan-dosi di approfondirle in successivi incontri.

Su specifica richiesta delle OO.SS. l’Azienda dichiara che non procederà ad azioni unilaterali di carattere traumatico per il periodo strettamente connesso allo svolgimento del confronto sindacale, finalizzato alla individuazione degli strumenti idonei al superamento delle problematiche sopraesposte.

Le OO.SS., in particolare con riferimento a questo ultimo aspetto, hanno indicato in via preferenziale alcuni strumenti quali i Contratti di solidarietà e CIGS.

L’ Azienda conferma la disponibilità a non sottrarsi al confronto, pur manifestando evidenti perplessità circa l’utilizzo dello strumento del Contratto di solidarietà, che, allo stato, porrebbe in estrema difficoltà organizzativa l’assetto aziendale. L’Azienda farà inoltre una verifica sul personale eventualmente interessato alla mobilità volontaria.

In ogni caso le parti si impegnano ad un approfondimento della materia di cui ai punti precedenti, finalizzato al raggiungimento di un’ intesa, dandosi appuntamento per il 1° dicembre p.v.

MAIA SpAOO.SS.