Maia Due, comunicato sindacale 09/05/2007

Roma, 9 maggio 2007

    COMUNICATO SINDACALE UNITARIO
    MAIA DUE SPA

    Le scriventi Segreterie Nazionali, in merito all’incontro tenutosi presso la Confcommercio di Roma in data 17 Aprile 2007 con i rappresentanti della società MAIA DUE SPA, ribadiscono la necessità di continuare a monitorare ulteriormente la fase di realizzazione del progetto di riorganizzazione e rilancio avviato dall’ azienda.
    In primo luogo, sarà importante verificare l’avvenuto completamento dell’aumento di capitale avviato dal presidente, Dott. Trombetta, e la conseguente ulteriore verifica del Business Plan e del Piano Attuativo, sollecitando fin da ora l’azienda ad impegnarsi ulteriomente per rendere ancora più stabile e forte la “Solvency” aziendale.
    Come OO.SS. prendiamo atto che l’Azienda smentisce qualsiasi voce in merito ad una presunta vendita della società ad altri Dealer e dell’avvenuta nomina da parte del Tribunale di Roma della nomina del CTU che dovrà esaminare il progetto di scissione della Società a suo tempo presentato ai Tribunale. Con l’avvenuta autorizzazione del Tribunale sarà possibile convocare l’assemblea dei soci per completare l’intero iter entro la fine di giugno 2007.
    Come OO.SS. riteniamo importante che i soggetti finanziari considerino positivo il Business Plan, consentendo così all’azienda quel margine di operatività indispensabile in questa fase delicata del rilancio.
    In merito alla richiesta di chiarezza da parte di Caterpillar da noi sottolineata nella comunicazione inviata all’azienda il 28 febbraio 2007, l’Azienda ha dato lettura di una comunicazione ricevuta da Caterpillar in cui la stessa assicura il suo interesse a mantenere i rapporti con tutta la clientela e le maestranze attuali di MAIA.
    Nel prendere atto della comunicazione, non possiamo non rilevare come a tutto oggi Caterpillar non abbia ancora espresso alcun parere in merito al progetto a suo tempo presentato dall’azienda.
    Come OO.SS riteniamo necessaria una costante vigilanza sulle prossime scadenze societarie ed anche sull’andamento dello stesso fatturato a cominciare da quello di fine maggio p.v..
    Per tale motivo riteniamo necessario che la convocazione del prossimo incontro debba avvenire entro la seconda decade di giugno per avere un quadro più definito dell’intera vicenda.

    p.la FILCAMS/CGIL p.la FISASCAT/CISL p.la UILTUCS/UIL
    (Luigi Scarnati)(Dario Campeotto)(Marcello Gregorio)