Maggio risveglia i consumi

26/06/2002


Mercoledí 26 Giugno 2002



Congiuntura – AcNielsen: +2,9% per le vendite (in quantità) nella grande distribuzione
Maggio risveglia i consumi
L’aumento aiutato dal boom delle promozioni – Il Mezzogiorno traina la ripresa (+8,3%)
MILANO – I consumi tornano a crescere a maggio grazie alle promozioni e al recupero degli ipermercati, secondo le stime di AcNielsen sulle vendite (in quantità) di prodotti di largo consumo confezionati (grocery) nella distribuzione moderna. Dopo un inizio d’anno costellato di flessioni delle vendite, maggio ha fatto invece registrare un netto recupero, soprattutto delle confezioni di prodotti grocery transitate alle casse. La crescita media su base tendenziale è stata del 2,9% ed ha portato in positivo il bilancio globale dei primi cinque mesi dell’anno con una crescita dello 0,2% rispetto allo stesso periodo del 2001. In valore assoluto la crescita delle vendite si attesta sul 6,5 per cento. All’AcNielsen fanno poi notare che l’intensità promozionale generale è aumentata a maggio dello 0,6% su base tendenziale raggiungendo quota 18,1 per cento. Il dato cumulativo dei primi cinque mesi, relativo alla pressione promozionale, segna una modesta flessione dello 0,1% appena rispetto allo stesso periodo del 2001. A livello di area, in evidenza la stagnazione del Nord-Ovest (+0,4% a maggio ma -1,1% in cinque mesi). Più vivace il Nord-Est (+3,3% a maggio e +0,5% totale). Bene il Sud (+8,3% a maggio e +3,8%) e la Sardegna (+11,4% e +5,8%). L’analisi per classi di prodotto segna una netta crescita delle vendite (sempre stime sulle quantità) di prodotti freschi (+7,4%), seguono a ruota gli alimentari confezionati (+2,1%), le bevande (+1,8%) e i prodotti per gli animali (+1,9%). Le stime per canali di vendita segnano a maggio un netto recupero degli ipermercati, che hanno registrato un incremento delle confezioni vendute pari al 5,1% tendenziale dopo la flessione dell’1,5% registrata ad aprile. Il bilancio dei primi cinque mesi dell’anno è dunque positivo con un incremento complessivo delle vendite pari all’1,3 per cento. La pressione promozionale negli ipermercati ha poi raggiunto quota 25,6% (+1,3% sullo stesso periodo del 2001). A maggio i supermercati hanno fatto registrare un aumento delle quantità vendute pari al 2,7% dopo una flessione del 4,5% rilevata ad aprile. Tale recupero non ha però impedito una stima ancora in rosso per il bilancio delle vendite nel periodo gennaio-maggio: -0,2% rispetto alle rilevazioni del 2001. Nei supermarket l’intensità promozionale è risalita al 17,6% a maggio con un incremento dello 0,3% rispetto allo stesso mese del 2001. Il dato globale sulla pressione promozionale in questo canale segna una media intorno al 16,5%, in calo dello 0,6% rispetto al 2001. Nei supermarket di piccole dimensioni l’aumento delle vendite a maggio è stato dell’1,1 per cento. La stima complessiva tra gennaio e maggio segna una crescita intorno allo 0,2 per cento.

Vincenzo Chierchia