Luigi Viale – esito incontro 13/02/2013

Roma, 14 febbraio 2013​

Oggetto: Luigi Viale S.p.a. – Esito incontro del 13/02/13

il 13 febbraio 2013 si svolto l’incontro con la Luigi Viale per fare il punto sulla situazione attuale dell’azienda, in particolare sullo stato di avanzamento della richiesta di accesso alla procedura concorsuale preventiva in continuità, e sulle trattative di cessioni di alcuni punti vendita che ci era stato comunicato nei mesi scorsi.
In merito alla richiesta di accesso alla procedura concorsuale preventiva in continuità, la Viale ci ha confermato che in data 30 gennaio 2013 ha depositato tutta la documentazione propedeutica al tribunale di Casale Monferrato, e successivamente, il 7 di febbraio, ha provveduto ad integrarla con una memoria a seguito di uno sforzo economico dei soci al fine di migliorarne il piano di gestione.
L’Azienda ci ha dichiarato, inoltre, che a brevissimo dovrebbe già arrivare il decreto di ammissione al concordato, questo ci porterà obbligatoriamente a rivedere il piano degli ammortizzatori sociali attualmente in corso, in quanto, cambiando la causale di intervento, ed entrando, quindi, nella procedura concorsuale, bisognerà incontrarci nuovamente per rivedere i relativi accordi sindacali attualmente in essere.
Fin da ora non è da escludere che bisognerà ipotizzare l’utilizzo della Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria prevista per quelle aziende che si trovano nella condizione di procedura concorsuale, anche attraverso un’apertura di procedura di licenziamento collettivo, tenendo presente che i Nostri interlocutori saranno i commissari che il tribunale nominerà, pertanto il tutto deve passare attraverso il parere dei, quindi con il rischio concreto di trovare ostilità nei percorsi, a partire di uneventuale incentivo per coloro i quali vorranno essere licenziati senza opporsi allo stesso. Una cosa sarà chiara che ci impegneremo affinché i Commissari agiscano secondo quanto previsto nel piano industriale presentato il 30 gennaio scorso e con la successiva memoria integrativa del 7 febbraio.
Nel proseguo dell’incontro sono emerse due nuovi elementi di criticità che comprendono i punti vendita della provincia di Pavia e di Sondrio. Per la prima la Viale ha ricevuto lo sfratto da parte del proprietario dell’immobile e questo causerà un’interruzione dell’attività, mentre per i punti vendita di Chiavenna ci ha dichiarato che le trattative che si sono susseguite nelle settimane scorse sono tutte tramontate.
Noi abbiamo ribadito con forza, vista la situazione sempre più difficile che si prospetta, la necessità continua e tempestiva di confronto sull’evoluzione del percorso, al fine di trovare tutte le strade che consentano di contenere quanto più possibile l’impatto sia sull’occupazione sia sul sostegno al reddito attraverso tutti i possibili strumenti di ammortizzatori sociali attuabili.

Fraterni saluti.

p. la Filcams Cgil Nazionale
Sandro Pagaria