“LucaLuca (6)” Sindacati pronti al rilancio, ma è scontro sui contratti

27/05/2005
    venerdì 27 maggio 2005

    PRIMO PIANO – pagina 5

    Sindacati pronti al rilancio, ma è scontro sui contratti

    Epifani: da Montezemolo passo indietro sui salari Pezzotta e Angeletti: sì a confronti di merito

      ROMA • I sindacati sono pronti ad accogliere la sfida per il rilancio del Paese rinnovata ieri da Luca Cordero di Montezemolo ma sui contratti le posizioni con la Confindustria restano distanti.

      È questo, in sintesi, il giudizio espresso ieri dai segretari generali di Cgil, Cisl e Uil al termine della relazione del presidente di Confindustria. Diversi però i toni utilizzati da Guglielmo Epifani, Savino Pezzotta e Luigi Angeletti, che si sono riflessi inevitabilmente anche sulla richiesta di Montezemolo di riformare le relazioni industriali.

      Sul fronte dei rinnovi contrattuali sindacati e industriali sono ancora su sponde opposte. Montezemolo definisce le richieste contenute nelle piattaforme sindacali « al di fuori di ogni compatibilità » . Dura la risposta di Epifani. Il segretario generale della Cgil su questo punto giudica la relazione di Montezemolo « un passo indietro » . Perché, spiega, « non basta dire che c’è un problema sui salari dei lavoratori e poi affermare che l’impresa non può farvi fronte, quasi non avesse responsabilità » .

      Epifani tuttavia dice di apprezzare la relazione del presidente di Confindustria laddove si sottolinea la necessità « di spostare l’attenzione dal terreno della rendita a quello degli investimenti, quando si parla della centralità del Mezzogiorno, delle regole del mercato e del loro rispetto, della lotta contro l’evasione fiscale e quando si difendono i principi di legalità » .

      Savino Pezzotta invece non si intrattiene più di tanto sul capitolo dei rinnovi contrattuali. Il leader della Cisl non appare sorpreso da quelli che definisce « i punti polemici » della relazione di Montezemolo. Del resto, aggiunge, « ognuno fa la sua parte » .

      Quel che invece Pezzotta vuole sottolineare è la « filosofia di fondo di questa relazione » , che ha evidenziato quanto grave sia la crisi e come inadeguata sia stata la politica economica portata avanti in questi anni dal Governo, che va quindi « cambiata » . È su questo terreno — spiega il segretario della Cisl — che il sindacato è disponibile a un confronto di merito, come abbiamo già fatto su Mezzogiorno e competitività » .

      E nel merito rientra ovviamente anche la partita fiscale. Un capitolo che è stato al centro dei commenti del segretario generale della Uil. Luigi Angeletti, infatti, dopo aver ribadito anche il no della sua associazione alla posizione espressa da Confindustria sui rinnovi contrattuali
      («Montezemolo ha torto») ha invece condiviso la richiesta del leader degli industriali di rivedere il carico fiscale sul lavoro anche attraverso un’estensione della tassazione indiretta.

      E condivisa — almeno da Cisl e Uil — è anche la proposta di Montezemolo di riformare le relazioni industriali. Una richiesta a cui risponde in modo diretto Savino Pezzotta.
      « La Cisl — ha detto il segretario generale della Confederazione — è pronta a raccogliere la sfida di una rifondazione delle relazioni sindacali. Ma anche Confindustria — ha aggiunto — deve mostrare più coraggio, perché quando si avvia un percorso lo si porta a termine. Se Confindustria elaborerà un documento sulle relazioni industriali, noi siamo pronti a discuterlo » .

        Anche la Cgil non si tira indietro. Ma per Epifani il problema non è quello « di essere pronti o meno » , ma « cosa si vuole fare » . E il segretario della Cgil aggiunge: « Noi sappiamo cosa vogliamo e dove vogliamo andare. Non è chiaro se corrisponde a quello che vuole Confindustria » .