L`integrativo Manpower incentiva il part time

17/07/2012

È stato siglato nei giorni scorsi il rinnovo del contratto integrativo aziendale del Gruppo Manpower srl, azienda multinazionale, attiva nella somministrazione di manodopera, di circa zmila lavoratori.
«L`intesa è soddisfacente – ha affermato Cristian Sesena, segretario nazionale della Filcams Cgil -, soprattutto tenendo conto del contesto in cui è maturata, contraddistinto da una profonda crisi del settore che ha colpito anche il colosso Usa». L`accordo salvaguarda quanto previsto dal precedente contratto integrativo e recepisce due intese in materia di part time post maternità e reperibilità, e introduce alcune condizioni normative innovative. Il diritto di informazione e confronto preventivo a livello nazionale viene arricchito di nuove materie, tra cui la presentazione dello schema del sistema premiante e relativi obbiettivi e valori. Importanti i cambiamenti in materia welfare aziendale: per indisposizioni giornaliere con ripresa del lavoro il giorno successivo, per esempio, non sarà necessaria la presentazione del certificato medico, e l`azienda "coprirà" l`assenza con un permesso retribuito.
In via sperimentale viene istituita la banca del tempo. Le ore straordinarie vi confluiranno e le maggiorazioni previste saranno trasformate in frazioni di ore e i lavoratori potranno godere di queste ore sottoforma di permessi o riposi, su base trimestrale. Al termine di ogni trimestre eventuali residui saranno retribuiti. Dopo la pausa feriale si terranno le assemblee di consultazione.