Limoni, esito incontro 07/04/2016

Roma 19/04/2016

Lo scorso 7 aprile si è tenuto il previsto incontro con la Società LIMONI sull’andamento della situazione aziendale.
La Società ha dichiarato che:
Rispetto ai risultati economici del 2015 conferma esiti positivi sul budget (+ 0,8%) e sulla redditività di cassa per Limoni e Gardenia, in leggero miglioramento per maggior margine di guadagno anche se con minori volumi di vendite.
Alcune linee finanziarie saranno rinegoziate e l’azionista conferma l’interesse a mantenere l’investimento.
Al netto delle 120 chiusure intervenute tra il 2013 e 2015, rimangono 320 PdV con marchio Limoni. La rete La Gardenia invece non ha registrato fluttuazioni, con perimetro sostanzialmente invariato dopo l’acquisto della rete Beauty Point.
La scelta commerciale per il 2016 è di incrementare i servizi in negozio da offrire alla clientela; oltre ai flagship stores di Milano Vercelli, Milano B.Aires, Roma Titone e Roma Stoppani, verranno individuati altri negozi che, con un formato diverso, potranno ospitare delle piccole aree dedicate ai servizi, anche riducendo lo spazio vendita. Si sta inoltre implementando il progetto sposa in rapporto con Estée Lauder.
Il percorso avviato in Veneto relativamente alla politica dei prezzi collegata alla carta fedeltà ha avuto buoni risultati, e verrà esteso.
I prossimi territori interessati saranno Toscana, Emilia Romagna, Sicilia; con l’obiettivo dichiarato di raddoppiarne la redditività.
Le OO.SS. hanno obiettato che sui territori non si riscontra affatto un clima positivo nelle relazioni sindacali; inoltre devono essere meglio gestiti e regolamentati gli spostamenti temporanei e le trasferte: tant’è che l’eventuale distacco tra la rete Limoni e La Gardenia va autorizzato per iscritto e sottoscritto dal lavoratore e comunque non può essere recuperato con riduzione oraria in Limoni; inoltre è sempre più necessaria la formazione delle lavoratrici, oltre che l’area manager.
Dopo lunghe insistenze, l’azienda si è impegnata a inviare nei punti vendita tali chiare disposizioni relative alle trasferte, alle missioni (ivi comprese il trucco della cliente a casa) e alle modalità di distacco/comando tra le due reti vendita LLG.
Abbiamo affrontato ancora una volta il tema della scarsità delle iniziative formative rivolte alle addette vendita, in particolare in relazione ai nuovi servizi estetici che l’azienda sta realizzando basandosi sostanzialmente sulle competenze pregresse delle dipendenti.
A tale proposito abbiamo chiesto la costituzione di un’apposita commissione paritetica che individui le priorità formative, anche realizzando progetti di formazione finanziata. L’azienda ha accolto questa proposta.
Nell’incontro si è anche affrontato l’esame congiunto della procedura di mobilità ex L. 223/91 avviata il 24.3.2016 e riguardante 69 dei 74 lavoratori posti inizialmente in Cigs per chiusura sedi ( un lavoratore infatti è stato ricollocato in altro Punto Vendita e tre sono usciti in mobilità con il criterio della non opposizione).
Le OO.SS. hanno richiesto innanzitutto di gestire correttamente gli strumenti alternativi quali la ricollocazione interna, citando come esempio negativo l’apertura del PdV di Arese per il quale sono stati inizialmente selezionati lavoratori provenienti da negozi non coinvolti nella procedura di mobilità; e le richieste di riduzioni di orario avanzate da alcuni dipendenti.
Abbiamo richiesto inoltre di riconoscere nella fase finale della mobilità volontaria aperta in costanza di CIGS l’incentivo di 8.000 euro lordi (in linea con gli ultimi accordi), in modo da consentire maggiori uscite non traumatiche in vista dell’avanzamento della nuova procedura di licenziamento collettivo avviata.
Le risposte arrivate dalla Società prevedono, ad oggi, un incentivo all’uscita di 6.000 euro lordi , il recupero dei criteri concordati negli accordi aziendali sul personale da utilizzare per l’apertura di Arese, oltre alla disponibilità a fornire un organigramma con tutto il personale in Cigs, con i ripescaggi già effettuati comprensivi di luogo e Punto Vendita ed eventuali conferme a Tempo Indeterminato.
Il prosieguo del confronto avverrà probabilmente il 18 maggio p.v., sarà nostra cura informarvi appena possibile, del luogo e ora dell’incontro.

P.Filcams CGIL Nazionale
Concetta Di Francesco