Lidl Italia – Esito Coordinamento nazionale 06/09/2013

Roma, 13 settembre 2013

Oggetto: Lidl Italia – esito coordinamento nazionale del 06 settembre.

nella riunione del coordinamento nazionale delle RSA/RSU di Lidl Italia, presenti alcune strutture, si è’ discusso sull’esito degli ultimi incontri con l’azienda, sul percorso che seguiremo e sulle prospettive. Gli incontri tenutisi negli ultimi due anni, hanno fatto registrare un arretramento, da parte aziendale, nelle già difficili relazioni sindacali. Le stesse informazioni fornite dall’azienda sono state frammentate e del tutto insufficienti.
L’azienda ha ripetutamente fatto riferimento alla necessità di trovare un accordo sulla flessibilità, ma non ha esplicitato con chiarezza lo strumento a cui vorrebbe fare ricorso.
Nell’incontro che si è tenuto a luglio tale necessità e’ sembrata essere più urgente, tuttavia le spiegazioni che ci sono state fornite sono state confuse. Già in quella occasione, come negli incontri precedenti, abbiamo evidenziato la necessità di dare seguito a quanto previsto dal Cia soprattutto per quanto riguarda le relazioni sindacali a livello territoriale.
Abbiamo, inoltre, richiesto di affrontare, insieme al tema della flessibilità, che richiede un maggiore approfondimento, il problema delle missioni e quello dello straordinario.
Poiché l’azienda ha affermato che ritiene il Cia valido a tutti gli effetti, il coordinamento nazionale ha deciso:

- il prossimo incontro, che si terrà il 04 ottobre, si terrà in delegazione ristretta (oltre alla struttura nazionale due partecipanti per ciascuna O.S.);

- l’incontro in forma ristretta dovrà essere l’occasione per far emergere con chiarezza su quale strumento di flessibilità l’azienda intenda ricercare un accordo;

- qualora lo strumento richiesto dall’azienda fosse praticabile, la trattativa dovrà comprendere alcuni punti di nostro interesse (missioni, straordinario, procedure versamenti incassi, rafforzamento relazioni sindacali);

- il confronto dovrà proseguire in successivi incontri in plenaria.

Il coordinamento ha condiviso la proposta di tentare di procedere al rinnovo del Cia, seguendo il percorso indicato. È evidente, infatti, che il difficilissimo momento che stiamo affrontando per il rinnovo del CCNL, potrebbe avere delle ricadute particolarmente pesanti in aziende che, come la Lidl, non fanno riferimento ad alcuna associazione. È perciò che, pur con tutte le difficoltà di applicazione, si ritiene particolarmente importante mantenere attuale il Cia.
In occasione dell’incontro in ristretta, sarà concordata la data per l’incontro successivo, che sarà preceduto da una riunione del coordinamento nazionale per approfondire quanto emerso e decidere come proseguire.

p. la Filcams Cgil Nazionale
Sabina Bigazzi