Lidl, esito incontro 19/04/2016

Roma, 27 aprile 2016

Testo Unitario

    il giorno 19 aprile si è tenuto a Bologna il previsto incontro con la LIDL nell’ambito del confronto per il rinnovo del contratto integrativo aziendale.
    Dopo aver completato l’approfondimento dei temi della piattaforma relativi ai capitoli del welfare aziendale, del premio e degli appalti, abbiamo chiesto all’azienda un primo giro di risposte alle nostre richieste e abbiamo espresso la necessità di dare un’accelerazione al confronto di merito.
    L’azienda ha ricordato il proprio piano d’investimenti, quantificato in 300 milioni di euro, che tiene anche conto del prossimo ingresso sul mercato italiano di ALDI, competitore diretto di LIDL, che dovrebbe aprire con 50-100 negozi per poi proseguire in un significativo piano di sviluppo.
    LIDL ha peraltro ribadito di muoversi sul mercato italiano in un’ottica di lungo periodo, con particolare attenzione alla produttività e con un progetto di rigenerazione del lay out dei negozi.
    Sui temi della piattaforma l’azienda ha fornito alcune prime generiche risposte.
    Se sul tema ad esempio della salute e della sicurezza LIDL ha fatto delle aperture, dichiarando la propria disponibilità a discutere di agibilità degli RLS, di formazione, di stress lavoro correlato, rimettendo mano a quanto precedentemente definito; sul capitolo delle relazioni sindacali si è limitata ad esprimere l’auspicio di una loro positiva evoluzione soprattutto a livello territoriale, senza però articolare impegni concreti.
    Sul capitolo centrale dell’organizzazione del lavoro, l’azienda non è andata oltre ad affermazioni generiche circa il fatto di fare un ricorso contenuto, dal suo punto di vista, a tempi determinati e somministrati e di preferire la valorizzazione delle proprie risorse all’utilizzo di strumenti esterni. Nulla è stato detto sulle questioni per noi rilevanti – per citarne alcune – della programmazione degli orari, del consolidamento dei supplementari, della regolazione delle missioni e delle trasferte; è stata invece dichiarata una generica apertura alla discussione dei temi dell’organizzazione del lavoro e della conciliazione tempi di vita/tempi di lavoro.
    Sul tema del welfare contrattuale l’azienda si è dichiarata disponibile al confronto ma anche attenta e preoccupata – e quindi meno disponibile – di fronte al “costo” delle nostre richieste di piattaforma sotto questo capitolo.
    Per quanto concerne invece il tema del premio, l’azienda è stata netta nel dichiarare di non voler trattare l’introduzione di un meccanismo premiante, in quanto non rientrante nel “modello LIDL”.
    Infine, sulla questione degli appalti, LIDL ha dichiarato di non aver pregiudiziali sul confronto.
    A fronte di tutto ciò, dopo aver confermato le nostre richieste di piattaforma, abbiamo concordato con l’azienda di proseguire il confronto con tempi “rapidi”; abbiamo calendarizzato tre incontri in ristretta (gruppi di lavoro), su tutti i temi della piattaforma e un incontro successivo in plenaria; gli incontri in ristretta si terranno i giorni 13, 20 e 23 maggio, mentre l’incontro in plenaria è programmato per il giorno 30 maggio, alle ore 11.30, sempre a Bologna.

    p. La Filcams CGIL Nazionale
    G. Dalò