Legnano. Sciopero per il gelo in fabbrica

08/01/2002

Legnano







Sciopero per il gelo in fabbrica
CUSAGO — Il freddo glaciale blocca i lavoratori della Hays Sodibleco.
Dopo due anni trascorsi a lavorare con i riscaldamenti spenti, i dipendenti non ne possono più e ricorrono al tradizionale metodo di lotta sindacale, lo sciopero. Oltre 350 lavoratori dell’ex centro distribuzione merci Standa dell’hinterland milanese si asterranno dal lavoro questa mattina per risolvere la situazione precaria in cui devono operare: due gradi di temperatura e oltre l’80% di umidità. «Lavorare al freddo mantiene giovani è forse il pensiero di chi gestisce il centro ma non certo dei dipendenti che oggi incroceranno le braccia — fa sapere il Filcams Cgil che, prima di giungere a questo aveva provato altre strade — . Dopo due anni trascorsi con guanti e passamontagna e dopo un azione legale che non ha dato esiti positivi, risolveremo la situazione chiedendo i danni che in questo lasso di tempo si sono verificati alla salute dei lavoratori ».
In questi lunghi inverni, i lavoratori dello stabilimento di Cusago Milanese (250 dipendenti di cooperative collegate) erano ricorsi ad altri mezzi: la richiesta di intervento della azienda sanitaria locale e una procedura penale che purtroppo non ha dato gli esiti sperati.
Ma le condizioni non sono migliorate e, per il secondo inverno consecutivo, la dirigenza continua a mantenere i termosifoni spenti, arricchendo la dotazione dei lavoratori di guanti e sciarpe.
Francesca Santolini