Legge finanziaria 2006 – Tagli settore termale – Lettera all’On.le Presidente G.Giorgetti

Roma,11 novembre 2005

On.le Presidente Giorgetti Giancarlo
V Commissione Bilancio
Camera Deputati – Roma

A seguito dell’approvazione da parte del Senato del maxi-emendamento presentato dal Governo alla Legge Finanziaria 2006 – che prevede la sostanziale paralisi della mobilità sanitaria interregionale dei cittadini (art. 1, comma 203) e il pressoche’ totale azzeramento delle prestazioni di cura di cui oggi beneficiano oltre 40 mila appartenenti alle Forze Armate e alle Forze di Polizia (art. 1, comma 151 e 152) – le scriventi Organizzazioni Sindacali, rappresentative dei lavoratori del settore termale, nonche’ firmatarie del relativo CCNL, esprimono la loro più profonda preoccupazione in ordine al fatto che l’applicazione di tali norme comporterà pesantissime ripercussioni negative sul fronte occupazionale, mettendo a rischio il posto di lavoro di migliaia di lavoratori operanti in un settore che, già fortemente penalizzato in occasione di precedenti manovre economiche e dalla crisi turistica registratasi negli ultimi anni, solo ora ha iniziato a mostrare deboli segnali di ripresa.

Per tali ragioni, le scriventi Segreterie Nazionali FILCAMS-CGIL, FISASCAT-CISL,UILTUCS-UIL, chiedono di svolgere con urgenza un’audizione presso le Commissioni in indirizzo finalizzata ad approfondire e mettere a fuoco le problematiche prefigurate, anche al fine di evitare il rischio di tensioni sociali che si sono già manifestate nei territori interessati.

Restando in attesa di un urgente riscontro in merito, si inviano cordiali saluti.

LE SEGRETERIE GENERALI

Filcams-CGIL Fisascat-CISL Uiltucs-UIL
I.Corraini G.Baratta B.Boco