Legacoop, maniere forti col sommerso

04/03/2003

ItaliaOggi (Economia e Politica)
Numero
053, pag. 4 del 4/3/2003



Appello.

Legacoop, maniere forti col sommerso

´Il 28 febbraio è scaduto il termine per usufruire della possibilità di far emergere e sanare le posizioni imprenditoriali e di lavoro irregolari; è ora che il governo passi all’azione repressiva senza più ritardi e incertezze nei confronti di chi non ha colto questa opportunità, avviando un vero e proprio piano operativo di ispezioni e controlli in tale direzione’.

È quanto ha affermato Franco Tumino, presidente di Ancst-Legacoop, riferendo una richiesta in tal senso emersa dai lavori della direzione nazionale dell’associazione, alla quale ha partecipato anche Graziano Pasqual, coordinatore della struttura operativa di Legacoop.

´Si tratta’, ha spiegato Tumino, ´di situazioni che purtroppo conosciamo bene e rispetto alle quali siamo pronti a collaborare; tutti i settori di attività in cui operano la cooperazione dei servizi e la cooperazione sociale aderenti a Legacoop, sono contraddistinti da una larga irregolarità e dall’abuso nel trattamento economico dei lavoratori, a partire dai comparti dell’igiene, dei rifiuti, del trasporto e della logistica’. La lotta alla concorrenza sleale assume per Ancst-Legacoop, una veste di priorità, in relazione a una situazione ritenuta ´insostenibile ed in via di peggioramento’.