L’edicola sempre più bazar

20/03/2003

ItaliaOggi (Marketing)
Numero
067, pag. 18 del 20/3/2003
di Barbara Battaglini


Al via da maggio un progetto per distribuire anche servizi di tlc e fotografia.

L’edicola sempre più bazar

Nella rete di Trado in vendita cd, vhs e giocattoli

Dopo l’accordo con Warner music Italia segue quello con Giochi preziosi. Ci sono poi Cartorama, Sanford, Proedi editori. La lista di partner di Trado, società di 106 distributori locali che forniscono ogni giorno oltre 5 mila edicole su tutto il territorio nazionale, è particolarmente lunga. Obiettivo: velocizzare il processo di trasformazione delle edicole: da punti vendita tradizionali di giornali e riviste a poli commerciali veri e propri, capaci di veicolare in esclusiva gli oggetti più disparati: cd musicali, videocassette, giocattoli, articoli di cartoleria, gadget, valigie.

´Il mercato della distribuzione dei prodotti non editoriali nelle edicole’, spiega a ItaliaOggi Paolo Ragazzi, managing director di Next partner, società che supporta Trado nell’individuazione di nuove opportunità di business, ´vale circa 3 miliardi di euro ma prevediamo che nel giro di due anni possa superare il giro d’affari relativo alla distribuzione dei giornali, che oggi è di circa 5 miliardi di euro’.

Ragazzi crede fermamente nel processo di evoluzione e diversificazione d’offerta delle edicole.

Del resto, il monitoraggio sull’operazione Trado-Warner music ha dato ottimi risultati: ´Abbiamo venduto nel giro di cinque mesi, da maggio a dicembre 2002′, continua Ragazzi, ´oltre 60 mila cd in poco più di 2 mila edicole, un canale che può quindi rappresentare una quota sempre più importante nelle vendite di Warner music Italia come di qualsiasi altro brand’.

Il volume d’affari delle edicole, quindi, è destinato a crescere in funzione della vendita dei prodotti non editoriali: ´Con la liberalizzazione del mercato e la concorrenza della grande distribuzione e dei bar’, prosegue Ragazzi, ´l’edicola non può più sopravvivere solo con la vendita delle riviste. Ecco perché stiamo lavorando per trasformare le edicole in centri di servizi’. Cioè?

´Stiamo concludendo accordi con i principali operatori di telefonia’, precisa Ragazzi, ´per la vendita di ricariche telefoniche. A maggio, poi, partiremo con i servizi fotografici: sviluppo e stampa a prezzi competitivi anche in digitale’.

Si parte da 2 mila edicole per arrivare alla fine dell’anno a oltre 6 mila ed ´entro il 2005 i servizi fotografici saranno coperti da oltre 25 mila edicole’, assicura Ragazzi.

Obiettivi ambiziosi quindi: ´Stimiamo’, dice infatti Ragazzi, ´di fatturare nel 2005 circa 200 milioni di euro, 10 mila euro a edicola’.

Facendo leva sui suoi punti di forza (106 distributori locali, 300 mila metri quadri di magazzini disponibili per lo stoccaggio, 4.500 furgoni e più di 8 mila addetti) Trado è inoltre riuscita a sviluppare anche una linea di business rivolta ai tour operator. ´Trado’, conclude Ragazzi, ´ha sottoscritto circa 60 contratti di fornitura di servizi logistici con i principali tour operator italiani, per la distribuzione dei cataloghi e delle brochure nelle agenzie di viaggio. L’iniziativa, partita a gennaio sta ottenendo risultati positivi. L’obiettivo è di raggiungere le 600 mila consegne all’anno nelle 9 mila agenzie di viaggio presenti sul territorio nazionale.