Lecco. Imprese di pulizia: scioperano gli addetti

13/06/2007
    martedì 13 giugno 2007

    Pagina 10

    Imprese di pulizia: scioperano gli addetti
    «Siamo poco considerati e mal retribuiti»

      Oggi e domani scioperano gli addetti delle imprese di pulizia

        LECCO(gl.riv.) – Gli addetti delle imprese di pulizia oggi e domani fanno sciopero. Da due anni il rinnovo del contratto è bloccato: «e da sempre è un lavoro poco considerato e mal retribuito – spiega Roberto Baselli, segretario della categoria Commercio della Cgil – O le persone e le imprese iniziano a ragionare diversamente oppure l’attività di protesta continuerà. L’addetto alle pulizie svolge un lavoro umile, ma indispensabile per la salubrità degli ambienti, specialmente quando parliamo di ospedali, Asl e luoghi di cura, per questo non devono essere considerato come i fantasmi del lavoro».

        Le condizioni lavorati di queste persone, per lo più donne, sono precarie: «Vengono forzatamente assunte con contratti part-time, perché possano rendere al massimo essendo questo un lavoro molto faticoso, e guadagnano non più di 600 euro al mese con una disponibilità settimanale sette giorni su sette. Quello che chiediamo alle parti imprenditoriali e alle direzioni delle cooperative che gestiscono i servizi di pulizia è un contratto dignitoso ed adeguato. A chi analizza le gare d’appalto chiediamo solidarietà e comprensione, perché la scelta dell’impresa di pulizia non si limiti ad un calcolo volto al massimo ribasso, ma consideri anche la qualità del servizio e il trattamento economico ed umano dei lavoratori».

        Un appello anche al prefetto Nicola Prete: «Abbiamo intenzione di coinvolgere il prefetto, che ha dimostrato in varie occasioni un’attenta sensibilità verso queste tematiche, perché ci venga incontro e combatta con noi l’ingiustizia che sta dietro la gestione delle imprese di pulizia».

        Domani i sindacalisti lecchesi si uniranno al corteo regionale che si svolgerà a Milano, davanti alla sede di Assolombarda, inoltre fuori dagli enti pubblici e delle strutture sanitarie lecchese si svolgerà un’intensa operazione di volantinaggio per cercare la massima solidarietà da parte della popolazione nei confronti di questi lavoratori.