Le voci dei praticanti siciliani – Giunone senza custodi, lavoratori senza stipendio