Le sale scommesse rischiano la bancarotta

07/03/2001

Corriere della Sera


A rischio l’80% delle agenzie. Chiesto a Del Turco un incontro urgente

Sale scommesse in crisi, vince Internet

      Il business delle scommesse sportive rischia il collasso per colpa di Internet e gli imprenditori del settore chiedono aiuto al governo e un incontro urgente col ministro delle Finanze Ottaviano Del Turco. A un anno dalla riforma del settore varata dall’ex ministro Visco, quasi l’80% delle oltre 1.500 agenzie che raccolgono le puntate sui più diversi sport, dall’ippica al calcio, al basket, denunciano gravi problemi finanziari. Motivo: la concorrenza dei grandi operatori internazionali, che vendono via Internet. Al posto dei 3.100 miliardi preventivati, nel 2000 le agenzie non ne hanno raccolti più di 1.400, ippica esclusa. Troppo pochi per coprire i costi di gestione e per far fronte ai minimi garantiti al Coni, che ora rischia di veder sfumare circa 200 miliardi di introiti. A pagina 17

      Malagutti


Prima Pagina



© Corriere della Sera