LDD, LD, esito inconto 17/07/2014

Roma, 29 luglio 2014

Oggetto: LDD – esito incontro 17 Luglio

Testo Unitario

Care/i compagne/i,
si è svolto il previsto incontro con la Ldd che ha rilevato i pdv del gruppo Lombardini per verificare l’attuale situazione rispetto anche al rispetto degli impegni assunti per la ricollocazione dei lavoratori come previsto nell’accordo ministeriale del gennaio 2013.
L’azienda ha illustrato la fase negativa che stà attraversando con un calo delle vendite pari ad una media del 10%, con una perdita di fatturato consistente rispetto al 2013 nonostante l’incremento di clienti e la diminuzione dei prezzi .
Ad incidere sui dati negativi, anche la necessità di aver introdotto nei pdv referenze merceologiche diverse rispetto alla gestione Lombardini e l’avvio delle ristrutturazioni in alcune filiali che necessitavano di un ripristino adeguato a parametri d’idoneità.
E’ stata data notizia che entro il 31 dicembre 2014 sarà effettuata la fusione per incorporazione da LDD a LD con il marchio LD .
Inoltre è stato confermato il piano di sviluppo con le nuove aperture che saranno effettuate alcune entro ottobre 2014 e le altre nel 2015, eccetto per Novate e Torino che probabilmente subiranno uno stop anche se hanno annunciato altre 5 nuove aperture collocate nel nord ovest.
Dopo le assunzioni, le fuoriuscite attraverso la mobilità e le ricollocazioni con società esterne al gruppo la situazione del personale è la seguente :

- Su comprabene rimangono 89 in Cigs
- Su Gross Market rimangono 79 in Cigs
- Sulla Holding rimangono 25 in Cigs

Come organizzazioni sindacali abbiamo evidenziato la necessità di avviare un confronto finalizzato a costruire un protocollo sulle relazioni sindacali che veda affrontare anche il tema sulla salute e sicurezza.
Come organizzazioni sindacali ci siamo impegnati a presentare una bozza di protocollo nel prossimo incontro già fissato per il giorno 30 settembre 2014 alle ore 15.00 a Roma presso la sede della Fisascat Nazionale sita in Via dei Mille 56.
Nello stesso incontro l’azienda si è impegnata a proseguire il confronto sulle assunzioni dei lavoratori rispetto al piano di sviluppo.
Infine, come organizzazioni sindacali abbiamo chiesto all’azienda in previsione della prossima fusione di avere un’informativa sulla MD.

p. la Filcams Cgil Nazionale
Sandro Pagaria