Lavoro 4 – Treu: “La flessibilità ossessiva crea solo insicurezza”

09/06/2003


sabato 7/6/2003
Pagina 3 – Economia
 
 
L´OPPOSIZIONE
Tiziano Treu, ex ministro del Lavoro

"La flessibilità ossessiva crea solo insicurezza"


          ROMA – Non va demonizzato perché a parlarne male gli si dà troppa importanza. E invece – di importanza – il decreto sul lavoro ne avrà poca perché gli effetti che produrrà sull´occupazione saranno minimi. E´ il giudizio che Tiziano Treu, ex ministro oggi parlamentare della Margherita, dà sul progetto appena varato dal governo. «Introduce una flessibilità di cui non vi era bisogno e non crea sviluppo. Più che altro si tratta di propaganda».
          Ma dei nuovi tipi di contratto previsti cosa ne pensa?
          «Nella migliore delle ipotesi li guardo con sospetto, perché non ve ne era bisogno, nella peggiore vi vedo la rincorsa ossessiva verso una flessibilità che genera solo insicurezza. Penso al lavoro a chiamata, per esempio, ma anche a quello a progetto».
          Era migliore la fomula dei co.co.co?
          «Questa riforma non cambia nei fatti la loro situazione. Sì, ora avranno qualche carta in più, ma nulla guadagneranno in termini di ammortizzatori specifici e di sicurezza sulla previdenza. L´occupazione si crea anche su questi parametri, non solo su una flessibilità in entrata di cui, ripeto, non c´era bisogno perché già esisteva».
          Nel testo però c´è anche una maggiore attenzione al part-time.
          «Ed è sicuramente una cosa positiva, ma dipende da come sarà interpretata. Ritengo, e i sindacati sono d´accordo, che la formula vada regolata in via collettiva. Se lasceremo al datore di lavoro la possibilità di scegliere le fasce orarie e quant´altro ritorneremo alla logica padronale di una volta».
          Comunque sia, dice Berlusconi, con queste formule i posti di lavoro sono aumentati.

          «Di sicuro non per merito suo. Visto che il suo decreto non è ancora in vigore, i risultati sono il frutto delle iniziative del precedente governo. Questo esecutivo, fino ad oggi ha creato solo conflittualità e ciò non aiuta né lo sviluppo né l´occupazione».
          (l.gr.)