Lavoratori Stagionali, interventi insufficienti

06/09/2016
filcams_summerwar_Fantastici_big

“Gli stagionali non verranno trattati come l’anno scorso, come ha dichiarato il ministro Poletti, ma perderanno 1,5 o 2 mensilità di sussidio rispetto al 2015″ ad affermarlo il segretario della Filcams Cgil Cristian Sesena che sottolinea: ” un mese in più è una mancia data a lavoratori più volte accusati  ingiustamente di campare di assistenzialismo: una contraddizione davvero evidente.”

Sono più di 200000 i lavoratori stagionali del turismo che dal 2016 subiranno questa penalizzazione.

“Aspettiamo di avere ulteriori dettagli, per capire se il mese in più sarà pieno per tutti e se sarà coperto da contribuzione figurativa. Resta comunque una misura insufficiente. L’unica nota positiva è che questo intervento riguarda solo l’anno in corso quindi la partita è ancora aperta” prosegue il segretario della Filcams.

“Ribadiamo la necessità di convocazione di un tavolo di confronto sul tema della stagionalità con tutti gli attori che il turismo lo vivono, lo conosco, lo fanno e non lo teorizzano solamente.”

La Filcams, fin dall’andata a regime della Naspi  si è battuta per salvaguardare i diritti dei  lavoratori stagionali da quella che viene considerata una vera e propria ingiustizia sociale.

Assieme alle altre federazioni sindacali a Federalberghi e Faita ha sottoscritto un avviso comune al Governo con precise richieste a tutela di questi lavoratori. Con la campagna SummerWar ha denunciato le condizioni di precarietà e sfruttamento cui spesso questi addetti sono costretti.

“La nostra non è e non sarà una battaglia di retroguardia. Si continua a parlare di turismo come settore economico su cui puntare per rilanciare il paese e contemporaneamente si persevera a svalutare il lavoro, a considerare i lavoratori  come una variabile non meritevole di attenzione. Un lavoro sottopagato, voucherizzato, privo di adeguate tutele nei periodi di forzata inoccupazione  dequalifica l’intero sistema dell’offerta turistica, rendendola poco competitiva in un mercato in cui la competizione si gioca  non solo sui prezzi, ma sulla qualità.”