Lavoratori ex LSU – Manifestazione 24 febbraio 2009

Roma, 11 febbraio 2009

Oggetto: Lavoratori addetti servizi di pulizia in ambito scolastico
(ex LSU) tramite consorzi.

Alle Filcams Regionali
e Comprensoriali

LORO SEDI

TESTO UNITARIO

Cari compagni,

proseguono le iniziative di mobilitazione in tutta Italia per riconfermare i finanziamenti per la continuità occupazionale dei lavoratori addetti ai servizi di pulizia in ambito scolastico (ex LSU) tramite Consorzi.

Nei giorni scorsi le associazioni imprenditoriali ed i Segretari generali di CGIL/CISL/UIL hanno provveduto ad avviare una nota di identico contenuto alla presidenza del Consiglio dei Ministri, per sollecitare il pieno finanziamento del corrispettivo degli appalti in essere (vedasi lettere allegate).

Lo stato di agitazione e le iniziative di sciopero attivate regionalmente hanno portato alla stesura di positivi documenti da parte delle direzioni regionali e provinciali nelle quali si evidenzia che il servizio prestato presso le scuole è essenziale per il mantenimento della continuità didattica.

Come annunciato si è svolta il 9-02-2009 la riunione con i consorzi sulle procedure aperte dalle aziende di 223. Vi alleghiamo il verbale firmato che rinvia la riunione al 17-2-09 confermando l’unificazione delle procedure a livello Nazionale. In quella sede i consorzi hanno precisato che l’iniziativa di alcune aziende di non effettuare i pagamenti non è un iniziativa decisa dai consorzi, ma rimane una scelta dovuta alla situazione finanziarie delle singole imprese conseguente ai forti ritardi di pagamento delle scuole, anche con sensibili differenze sul territorio nazionale.

In merito al ritardo dei pagamenti da parte delle imprese, abbiamo appreso in un apposito incontro tecnico effettuato con il Ministero dell’Istruzione, unitamente ai Consorzi, che il Ministero ha provveduto a predisporre un mandato di 200 milioni di euro di arretrati non pagati. Abbiamo chiesto che ci sia inviata la documentazione relativa visti i precedenti annunci non rispondenti e le conseguenti lettere delle aziende che dilazionano i pagamenti delle spettanze ai lavoratori di cui alleghiamo copia. Nel medesimo incontro è stata data notizia di una riunione del Ministero stesso con il Ministero Economia e Finanza per valutare il tema dell’integrazione dei 260 milioni mancanti per il finanziamento degli appalti in essere per l’anno 2009. A fronte delle nostre specifiche domande sui tempi e sulle disponibilità hanno risposto solo con la conferma dei documenti emersi negli incontri precedenti.

Viste le negative o mancate risposte da parte del Ministero con la totale incertezza dell’effettivo rifinanziamento dei 260 milioni di euro e il grande stato di crisi e disagio che si riscontra in queste ore nei luoghi di lavoro: procedure di licenziamento ai sensi della 223; mancato pagamento degli stipendi; taglieggiamento unilaterale da parte delle imprese delle retribuzioni dei lavoratori; le Federazioni Nazionali, nel confermare lo stato di agitazione e delle iniziative in atto ai livelli territoriali indicono una manifestazione nazionale per il giorno 24 febbraio 2009 davanti al Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca in Viale Trastevere.

Nei prossimi giorni provvederemo ad inviare volantini unitari ed informazioni logistiche per la piena riuscita dell’iniziativa.

Fraterni saluti.

p.La Filcams Cgil
C. Caravella

All. 3 - Verbale di incontro mobilità 9-02-2009

-Richiesta incontro alla Presidenza del consiglio

- Ministero Istruzione, assegnazione risorse finanziarie