L’Aquila. Guardie Giurate Ivri: riuscito lo sciopero

05/12/2007
    mercoledì 5 dicembre 2007

      Pagina 1 – L’Aquila

        GUARDIE GIURATE IVRI

          Esuberi e sicurezza riuscito lo sciopero

            L’AQUILA. Le guardie giurate dell’Ivri hanno aderito ieri allo sciopero proclamato per chiedere il rispetto dei propri diritti e sollecitare l’azienda a salvaguardare alcuni punti fondamentali che riguardano il modo di operare degli oltre 70 lavoratori impiegati in provincia. Allo sciopero, proclamato da Filcams-Cgil e Fisascat-Cisl, ha aderito anche il sindacato autonomo Orsa. «In particolare» sostengono i sindacati «si chiede il rispetto della normativa sulle turnazioni del personale (con una disparità di trattamento che costringe alcune guardie a subire pesanti e ripetuti turni di servizio). Inoltre, va segnalato il mancato rispetto delle norme di sicurezza in alcuni servizi fondamentali (trasporto valori, pronto intervento e pattugliamento notturno) nello svolgimento dei quali c’è una componente di rischio». Per Cgil, Cisl e Orsa, «l’Ivri deve smetterla con la pratica di inviare al personale ordini di servizio, sanzioni disciplinari e lettere di richiamo. Una pratica, questa, che ha creato un clima di sfiducia e di preoccupazione e che l’azienda strumentalizza addossando al personale la responsabilità di disservizi e problemi organizzativi».

              Infine, per le organizzazioni sindacali, tra i motivi dello sciopero «particolare rilievo assume la cessione di un ramo d’azienda ufficializzata e poi rinviata, che ha portato alla perdita di un appalto con le Poste e conseguentemente all’annunciato esubero di 20 guardie giurate. Tutto ciò ci spinge a chiederci se la direzione dell’Ivri abbia davvero la volontà di portare avanti l’attività in questa città e in questa provincia».