Ladisa, esito incontro 24/11/2015

Roma, 26 novembre 2015

nella giornata del 24 novembre u.s., si è tenuto il programmato incontro con Società Ladisa Ristorazione, l’incontro tenutosi in Fisascat Cisl si è reso necessario poiché in sede Ministeriale sono emerse alcune problematiche non del tutto appianate.
Pertanto su indicazione del Funzionario Ministeriale a cui la vertenza è stata assegnata, le parti si sono rincontrate in sede sindacale per affinare le distanze, durante l’incontro tenutosi con la società si è lungamente discusso sulle ragioni che hanno indotto la Società ad attivare una procedura di licenziamento collettivo e argomentato le motivazioni proposte dalle OO.SS. per evitare i licenziamenti.
Pertanto al fine di scongiurare i licenziamenti e salvaguardare reddito ed occupazione si è concordati di attivare il Contratto di Solidarietà difensivo, per un periodo di 12 (dodici) mesi a partire dal 01 gennaio 2016, il contratto interesserà una platea di 98 lavoratori cosi distribuiti 11 sull’appalto ASL BAT e 87 nell’appalto Ristorazione Carabinieri le rispettive riduzioni massime sono pari al 27.60 per l’ASL BAT e 33.56 per il Lotto dei Carabinieri.
Nell’accordo su nostra richiesta è stato inserito il rimando al confronto territoriale sia per quanto riguarda eventuali picchi di lavoro, che permetterebbero di ridurre la percentuale del CdS, che per la gestione di diverse formulazioni dell’orario di lavoro plurisettimanale, inoltre si è concordati che la Società anticiperà mensilmente il contributo di solidarietà, e altresì il contributo spettante alla società sarà riversato ai lavoratori interessati dal CdS all’effettiva riscossione da parte della Ladisa Ristorazione S.p.a.
Chiaramente dopo la sottoscrizione del presente accordo la società ha revocato la procedura di licenziamento collettivo avviata.

p.la Filcams Cgil Naz.
Giovanni Dalò