L’accordo Fiat-Governo

06/12/2002

            6 dicembre 2002

            La proposta del Governo
            Sintesi delle indicazioni per ogni stabilimento

            • Cassino. I rientri al lavoro sono previsti a partire

            dalla primavera 2003 per completarsi entro luglio. Le
            lettere prevedono la Cigs a zero ore, la rotazione dei
            lavoratori sarà oggetto di esame con i sindacati.

            • Mirafiori. Disponibilità della Fiat a effettuare con i

            sindacati, nel giugno 2003, una valutazione dei fabbisogni
            occupazionali con l’avvio dei nuovi modelli Punto
            restyling e B-MPV. Analisi della possibilità di rientro
            dei lavoratori sospesi il 9 dicembre 2002 e delle
            effettive necessità di collocazione in cassa integrazione
            dei restanti lavoratori addetti alla produzione della Panda.

            • Termini Imerese. Ripresa dell’attività produttiva

            a partire da settembre 2003 con l’avvio di un turno
            giornaliero della produzione della Punto restyling
            con rotazione settimanale degli addetti. Tra gennaio
            e marzo 2003 sarà realizzato un lotto di produzione
            fine serie della Punto che consentirà l’attività produttiva
            dello stabilimento su due turni per cinque settimane
            non consecutive. Sviluppo di un piano di formazione
            per la riqualificazione dei lavoratori. Il rientro di
            tutti i lavoratori avverrà in funzione dei volumi di
            vendita del nuovo modello e della riduzione delle
            eccedenze.

            • Arese. L’azienda parteciperà alle iniziative proposte

            dal Governo per le politiche attive del lavoro e alla
            costituzione del tavolo permanente di confronto per
            Arese.

            La Cigs
            impianti e dipendenti interessati dalla cassa integrazione
            a zero ore da lunedì

            • Torino: 1.000 lavoratori di Fiat Auto e 350 di Comau e Magneti Marelli
            • Arese: 1.000 lavoratori di Fiat Auto
            • Cassino: 1.200 lavoratori di Fiat Auto
            • Termini Imerese: 1.800 lavoratori di Fiat Auto, Comau e Magneti Marelli
            • Altre sedi: 250 lavoratori

            Le misure
            Cassa integrazione

            • La cassa integrazione è un

            intervento a sostegno delle
            imprese in difficoltà che
            garantisce al lavoratore un
            reddito sostitutivo. Si distingue
            in ordinaria, nel caso di una
            momentanea sospensione
            della attività produttiva, e in
            straordinaria nel caso invece
            di una sospensione o di una
            riduzione dell’attività motivata
            da una crisi aziendale, da una
            ristrutturazione, dal fallimento
            o dalla liquidazione della
            società.

            • Durante la cassa

            integrazione straordinaria il
            lavoratore riceve l’80%
            dell’ultima retribuzione mensile
            e ha diritto ai contributi
            figurativi validi per la pensione.
            La durata della Cigs è di un
            anno per "crisi aziendale"
            (prorogabile per altri 12 mesi).

            Mobilità

            • La mobilità è, come la

            Cigs, uno strumento utilizzato
            come ammortizzatore sociale
            in caso di crisi aziendali. A
            differenza però della Cigs,
            con la mobilità il lavoratore
            cessa di essere un
            dipendente dell’azienda.
            L’iscrizione alle liste di
            mobilità permette di ricevere
            un’indennità di mobilità, che
            è pari all’ammontare della
            Cigs per i primi 12 mesi. Dal
            tredicesimo mese è l’80%
            della Cigs.

            • La mobilità può essere

            corta, e in questo caso la
            durata può variare da un
            minimo di un anno a un
            massimo di quattro, oppure
            lunga, e cioè fino al
            raggiungimento della
            pensione.