La Stampa – Effetto Amazon Ora Trony 10 mila posti a rischio

01/04/2018

1 Aprile 2018 – La loro è una crisi che si trascina ormai da anni e che negli ultimi mesi, però, è diventata drammatica, con almeno 10mila di posti a rischio e diversi fallimenti, molti distributori locali chiusi o passati di mano. Ultimo in ordine di tempo il pugliese Dps Group che a metà marzo ha abbassato le serrande di una quarantina di store a marchio Trony lasciando senza stipendio 500 persone. «E’ un vero terremoto quello che è in corso», spiegano gli esperti del settore, secondo i quali in futuro «quello che si costruirà di nuovo sarà sulle macerie». Lo strapotere del gigante dell’e-commerce non è però l’unica giustificazione alla crisi in corso, anche se per molte imprese la violenza con cui il commercio elettronico conquista anno dopo anno quote, è il nemico da battere. Basta vedere le promozioni sempre più roboanti ai prezzi sempre più tracciati riprioposti all’infinito per rendersi conto che questo settore sta con l’acqua alla gola. Le vendite sono ferme, le grandi superfici (come del resto anche i centri commerciali) non tirano più come un tempo, la concorrenza sfrenata riduce sempre di più i margini ed i costi fissi sono progressivamente sempre più alti delle entrate. Gfk: mercato fermo «Il settore – spiega Alessio Di Labio della Filcams Cgil nazionale – sta subendo una trasformazione strutturale e profonda dovuta a quattro fattori principali: la crisi generale dei consumi, che ha determinato le prime criticità; l’arrivo sul mercato di smartphone e tablet, che hanno sostituito in pochi anni e in pochi grammi, il mondo informatica, fotografia e musica; l’avvio del mercato italiano verso una polarizzazione, con maggiori conseguenze per le imprese più piccole; la crescita esponenziale delle vendite online, che ha rivoluzionato fatturati e margini e fatto perdere potere al retail sulle politiche dei prezzi». Poi, aggiunge, il gruppo dirigente del settore non è certo esente «ancora troppo legato com’è a logiche novecentesche». Secondo le ultime stime di Gfk, società specializzata in analisi del mercato e consumi, l’anno passato il comparto della tecnologia ha perso altri 110 milioni di fatturato (-0,8%) scendendo a quota 14,3 miliardi soprattutto a causa del calo del- l’elettronica di consumo, della fotografia e dell’informatica. A perdere quote sono stati proprio i superstore specializzati con superfici superiori agli 800 mq arretrati del 3% ed i negozi specializzati (-5%). In forte crescita invece i negozi di tele- fonia +8% che passano dal 15,7 al 17,1% delle vendite totali in un segmento che cresce più di tutti gli altri sino a toccare il 37,7% dell’intero mercato della tecnologia. Mentre i canali tradizionali (-2%) controllano ancora l’87,5% del mercato, le vendite via Internet (comprese quelle dei rivenditori tradizionali) sono invece cresciute del 9,3% arrivando a quota 1,7 miliardi. L’e-commerce nel suo complesso, come segnala l’Osserva- torio del Politecnico di Milano, che in Italia è arrivato a contare 22 milioni di Webshopper, del resto continua a correre: +10% di compratori in un anno, +17% le vendite (a quota 23,6 miliardi), col mercato dei prodotti che per la prima volta supera quello dei servizi e settori come informatica ed elettronica che sale (acquisti all’estero compresi) a quota 4 miliardi (+28%). «Nel campo dell’ecommerce l’elet- tronica di consumo è certamente il comparto principale, il settore più maturo. Secondo le nostre stime ha una quota del 22% sul totale delle vendite che di qui a qualche anno potrebbe salire al 40-45% – spiega Samuele Fraternali, ricercatore dell’Osservatorio eCommerce B2c -. Ed Amazon ha un peso rilevante, ha influito molto su questo settore sia in termini di volumi che soprattutto di marginalità, perché ha da subito attuato una politica molto aggressiva». Unieuro pigliatutto I più piccoli soccombono e chi ha più risorse me approfitta. «Il percorso di polarizzazione e con le quote di mercato che guadagna l’online». In 13 anni il gruppo fondato da Oscar Farinetti ed ora di proprietà della famiglia romagnola Silvestrini, l’unico in questo campo ad essere quota- to in Borsa, ha messo a segno ben 8 acquisizioni: da ultimo i 21 punti vendita del gruppo Andreoli (marchio Euronics) sparsi tra Lazio meridionale, Abruzzo e Molise rilevati un anno fa e quindi ad ottobre i 19 store (sempre Euronics) del – sostiene Di Labio – è stato cavalcato in particolare da Unieuro (ex SGM che ha acquisito Unieuro da Dixon e che ha tenuto il marchio, pri- ma era Expert) che ha acqui- sito gran parte della rete vendita che era in forte criticità, in particolare dal gruppo Euronics, salvaguardando molta occupazione. Verosimilmente, dopo anni di investimenti e acquisizioni, dovrà presto fa- re i conti con un consuntivo a rete omogenea, con i margini gruppo Cerioni (Emilia Romagna e Marche). Con queste operazioni l’anno passato Unieuro ha aumentato il suo fatturato del 12,8% a quota 1,873 miliardi e quest’anno punta a superare quota 2, spingendo ancora di più su consolidamento del mercato e omnicanalità. «L’integrazione pro- fonda della nostra realtà, una struttura amministrativa centralizzata e un centro logistico unico a Piacenza già grande come 7 campi di calcio – spiegava nei giorni scorsi l’ad Giancarlo Nicosanti Monterastelli – ci re- gala un vantaggio competitivo che gli altri player non hanno». Licenziati via WhatsApp L’ultimo choc in ordine di tempo ha investito Trony. Il 16 aprile il tribunale di Milano ha respinto la proposta di concordato preventivo decretando il fallimento del Dps Group che fa capo alla famiglia pugliese Piccinno, società che gestisce 43 punti vendita e figura tra i soci della Gre (Grossisti riuniti elettrodomestici) proprietaria del marchio Trony. Ad essere interessati dopo le chiusure di Milano, Torino e Taggia del attesa sotto al Mise. «Il problema è che il nostro è un mercato che corre molto veloce e tanti imprenditori non sono in grado id tenere il passo. Per non dire poi che Trony è stata addirittura capace di fare concorrenza a stessa: in occasione del black friday il nostro sito proponeva prodotti in offerta che poi nei negozi non si trovavano. Una cosa assurda». Il tavolo del ministero è stato aggiornato al 5 aprile: esclusa la possibilità di riaprire in esercizio provvisorio ora si guardare ai possibili compratori. Prima indiziata, la solita Unieuro. Ovviamente gli altri 15 grandi soci del Gre, 200 punti vendita, 1,086 miliardi di fatturato e 3000 occupati, si sono affrettati a far sapere che ad esse- re fallito «è solo uno dei tanti soci, non è tutta la Trony ad essere andata in crisi». Ma certo il colpo di immagine è pesante tanto più che già nel 2017 questa insegna aveva patito la chiusura degli 8 store di Roma (4 poi rilevati da Euronics). Assieme a Trony, secondo i sindacati, anche la stessa Euronics sarebbe destinata a ridimensionarsi più o meno lentamente. A fine 2017 in Lombardia tra i rivcenditori associati a questo gruppo si sono infatti aperti altri due fronti di crisi: sia il gruppo monzese Castoldi (10 punti vendita e 150 dipendenti fra Milano e l’hinterland) che la catena della famiglia Galimberti , una cinquantina di punti vendita ed oltre 500 occupati sparsi tra Lombardia, Veneto e Friuli, Emilia e Sarde- gna, hanno chiesto al tribunale il concordato in continuità. La crisi dei «tedeschi» Anche Mediamarket, da anni tra i leader di mercato con 110 punti vendita a marchio Me- diaworld e Saturn e 2 miliardi di fatturato, ha i suoi guai. Per la prima volta nella sua storia il 3 marzo i sindacati di categoria hanno proclamato lo sciopero di tutto il gruppo per contesta- re i 500 trasferimenti dalla storica sede di Curno a Carate Brianza, la chiusura dei punti vendita di Grosseto e Milano Centrale e la decisione unilaterale di eliminare da maggio il bonus presenza e la maggiora- zione del lavoro domenicale a fronte di un bilancio chiuso con un rosso di 17 milioni di euro. Oltre ai trasferimenti forza- ti, «fatti apposta per indurre i dipendenti a licenziarsi, per- ché non tutti potranno sobbarcarsi 100 chilometri al giorno per andare e tornare dal lavo- ro», preoccupano le sorti dei 150 dipendenti dichiarati in 2015 ed i primi 163 licenzia- menti, sono gli store presenti in Piemonte, Liguria, Lombardia, Veneto, Friuli Venezia Giulia e Puglia, compresi gli ex Fnac e Darty: i 500 dipendenti sono stati lasciati a casa da un giorno all’altro con un semplice messaggio inviato tramite WhatsApp scatenando il pani- co generale. Della serie «doma- ni non apriamo alcun negozio, non presentatevi al lavoro». In 500 sono dunque sospesi, incastrati nella procedura fallimentare e quindi senza stipendio ma anche senza cassa integrazione, e senza aver diritto al- la sospensione di mutui e debiti vari o la possibilità di cercarsi un altro lavoro. I sindacati si so- no subito mobilitati e mercoledì la crisi Dps è approdata sul tavolo del ministero dello Sviluppo. «Falliti per colpa di Amazon? Questa è usa scusa che stanno usando molti venditori» si sfogava Alessandro, uno degli addetti dello store di Savona, in In crisi A perdere quote nel 2017 sono stati soprattutto i superstore con superfici superiori agli 800 mq arretrati del 3% ed i negozi specializzati (- 5%) La svolta L’arrivo di smartphone e tablet ha rivoluzionato il comparto: ha reso più facili gli acquisti on line e messo fuori gioco prodotti informatici, fotografia e musica 150 dipendenti dichiarati in esubero in 17 punti vendita (tra cui Torino, Roma, Genova, Caserta, Napoli, Cosenza, Sassari e Molfetta) dove a fine mese scadranno contratti di solidarietà. Secondo i sindacati, sembrava che il gruppo controllato dai tedeschi di Metro Ag stesse reagendo in modo «più lungi- mirante» puntando sull’omnicanalità (con l’unificazione di offerte e listini tra canale fisico e digitale), «ma non ha la copertura economica per autofinanziare la riorganizzazione, la casa madre non sembra intenzionata a sostenerla e il conto lo stanno presentando ai lavoratori». «Con molta probabilità, la rete vendita fissa avrà ancora un ruolo- conclude Di Labio -. Ma ci lasceremo alle spalle le grandi superfici piene di merce, il cosiddetto negozio di esperienza sarà il futuro. Se le aziende non rivedranno il loro modo di far quadrare il conto economico, il problema si scaricherà tutto sui lavoratori»