La Spezia. Upim chiuderà i battenti

12/01/2005

    Mercoledì 12 Gennaio 2005

      Upim chiuderà i battenti dal 31 gennaio tutti a casa
      Allarme dei sindacati che chiedono un tavolo di confronto

      Upim, lo storico grande magazzino che dagli anni sessanta apre le proprie vetrine nella centralissima piazza beverini, potrebbe chiudere i battenti il prossimo 31 gennaio. Lo segnalano le segreterie dei sindacati del commercio (Filcams-Cgil, Fisascat- Cisl e Uiltucs-Uil) dopo avere ricevuto ieri una nota da parte della direzione aziendale di Upim (controllata da Rinascente) con la comunicazione della chiusura del punto vendita della Spezia «a far data dal 31 gennaio». Lo stop scatterà come conseguenza «della vendita dell’immobile – si legge nella stessa nota – in cui è sita l’attività».

      I sindacati di categoria danno notizia anche dell’avvio della procedura di messa in mobilità di tutto il personale del grande magazzino. Quattordici persone che rischiano di rimanere senza posto di lavoro.

      Una circostanza che i sindacati hanno accolto esprimendo «seria preoccupazione» e richiedendo immeditamente «la riattivazione di un tavolo di confronto presso la Prefettura della Spezia, con il coinvolgmento delle istituzioni locali, in primis il Comune della Spezia, e delle associazioni di categoria, al fine di mettere in campo ogni iniziativa di tutela sociale ed occupazionale».

      Già alcuni mesi fa l’avvio di un negoziato attraverso i buoni uffici dei funzionari dell’autorità locale di governo aveva scongiurato un incombente sfratto esecutivo che avrebbe spento le vetrine di Upim prima dell’autunno. Una proroga ha concesso ad Upim di potere rimanere aperta durante le Feste natalizie svolgendo un non trascurabile ruolo di catalizzatore di alcune categorie di clienti anche per altre attività commerciali del centro storico. Un "buco nero" in Piazza Beverini non gioverebbe al commercio cittadino.