La Rinascente, Habitat Italia, cessione ramo d’azienda art. 47 L. 428/90, Ipotesi Accordo 09/09/1999

Ipotesi di Accordo

Il giorno 9 settembre 1999 si sono incontrati a Roma La Rinascente S.p.A., Habitat Italia S.r.l. e le Segreterie Nazionali e Territoriali di Filcams CGIL, Fisascat CISL, Uiltucs UIL in relazione alle problematiche riguardanti la Sede e i negozi di Habitat Italia S.r.l. di Roma Marconi, Roma Cola di Rienzo, Roma Regina Margherita, Milano C.so Buenos Aires, Milano Diaz, Trieste, Bergamo, alla presenza delle rispettive RSA.

Premesso che:

- le organizzazioni sindacali, facendosi carico delle crescenti preoccupazioni espresse dai lavoratori di Habitat, hanno in più occasioni chiesto alla società Habitat un confronto relativo agli andamenti commerciali ed economici del presente anno e alla complessiva situazione della società;

- nel corso dell’incontro del 5 agosto 1999 Habitat Italia ha comunicato alle organizzazioni sindacali la decisione di cessare l’attività commerciale in Italia entro la fine dell’anno, a causa di una situazione economica e commerciale della società molto negativa, caratterizzata purtroppo da forti e costanti perdite, che non consente di prevedere una ripresa e un rilancio della attuale formula commerciale;

- le organizzazioni sindacali, nel prendere atto della dichiarazione della società Habitat, hanno chiesto alla stessa società di adottare tutte le iniziative utili per salvaguardare gli attuali posti di lavoro; in tal senso hanno chiesto anche alla società Rinascente, anche in forza della sua originaria partecipazione finanziaria – ora cessata – alla società Habitat Italia, di contribuire concretamente alla ricerca di idonee soluzioni;

- con la comunicazione del 1 settembre 1999 ai sensi dell’art. 47 L. 428/90 le società Habitat e Rinascente hanno dichiarato alle organizzazioni sindacali di volere rispettivamente cedere e acquisire i rami d’azienda costituiti dai magazzini Habitat situati in Roma Marconi e Milano Buenos Aires;

- le società Habitat e Rinascente hanno manifestato una comune disponibilità a individuare insieme alle organizzazioni sindacali percorsi finalizzati alla ricollocazione del personale di Habitat e alla ricerca di soluzioni concordate;

Tutto ciò premesso, dopo ampia discussione, le Parti hanno convenuto che:

a) i negozi di Roma Marconi e Milano Buenos Aires saranno ceduti da Habitat Italia S.r.l. a La Rinascente S.p.A. ai sensi dell’art. 2112 c.c. con conseguente continuazione di tutti i rapporti di lavoro dei lavoratori in forza presso tali unità alla data della cessione e conservazione di tutti i diritti che ne derivano.
La Rinascente S.p.A. applicherà ai dipendenti delle citate unità l’accordo integrativo aziendale del 10 aprile 1996 in sostituzione dei trattamenti applicati da Habitat Italia S.r.l.

b) i negozi di Bergamo, Trieste, Roma Regina Margherita cesseranno le attuali attività entro il 30 settembre 1999 mentre la Sede cesserà progressivamente l’attività in coerenza con la graduale cessazione delle attività operative.

Per conseguenza il rapporto di lavoro con Habitat Italia srI per il personale in forza nei citati negozi verrà risolto entro il 10 ottobre 1999. Il rapporto di lavoro con Habitat Italia del personale della sede verrà risolto in coerenza con quanto sopra e comunque entro il 30 aprile 2000.

Agli impiegati con contratto a tempo determinato verrà offerto, in alternativa:

- la riassunzione con contratto di lavoro a tempo determinato e della medesima tipologia con scadenza all’originaria scadenza del contratto con Habitat Italia S.r.l. — purchè tale scadenza originaria non determini un contratto a tempo determinato per un numero complessivo di giorni inferiore al minimo previsto dalle normative vigenti – in unità del Gruppo Rinascente presenti nelle piazze di Bergamo, Roma, Milano;

- un incentivo economico con risoluzione definitiva del rapporto di lavoro.

Gli impiegati e i quadri con contratto a tempo indeterminato potranno optare tra le seguenti alternative:

-la riassunzione in unità del Gruppo Rinascente presenti nelle piazze di Bergamo, Roma, Milano.

Per quanto riguarda il personale di Habitat Trieste si svolgeranno nei prossimi giorni appositi incontri e colloqui per verificare le eventuali possibilità di ricollocazione di parte del personale nelle unità Upim di Trieste; laddove ciò non fosse possibile la riassunzione sarà effettuata nelle unità del Triveneto ovvero in altra piazza definita di comune accordo;

- un incentivo economico con risoluzione definitiva del rapporto di lavoro, con eventuale collocazione in mobilità ex L. 223/91.

A tale proposito le Parti convengono sulla possibilità di far ricorso anche alla mobilità ex L. 223/91, per contribuire alla riduzione del problema occupazionale conseguente alla prossima cessazione delle attività, per i soli dipendenti che matureranno i requisiti per i trattamenti pensionistici nel corso del periodo di mobilità o che si trovino in analoghe condizioni.

Per quanto riguarda le modalità di riassunzione, le Parti convengono che il personale in oggetto risolverà consensualmente il rapporto di lavoro con Habitat Italia, con liquidazione da parte di quest’ultima di tutte le spettanze di fine rapporto. Contestualmente sarà riassunto, previa sottoscrizione di appositi verbali di conciliazione in sede sindacale, in una unità del Gruppo Rinascente, con applicazione dei trattamenti normativi ed economici ivi vigenti, conservando gli scatti di anzianità maturati, con esclusione degli eventuali superminimi individuali; per ogni altro istituto, l’anzianità decorrerà dalla data di assunzione nelle unità del Gruppo Rinascente.

Per quanto riguarda il livello di inquadramento, il personale attualmente inquadrato al 5°, 4° e 3° livello conserverà il livello esistente mentre per il personale di livello superiore al 3° (2°, 1°, Quadro) il Gruppo Rinascente offrirà un inquadramento definito in base alle effettive compatibilità organizzative.

c) per quanto riguarda i negozi di Roma Cola di Rienzo e Milano Diaz, la società Habitat sta verificando le possibilità di cessione a terzi, che si impegnino a mantenere in servizio gli attuali dipendenti.
Nel caso in cui non venga individuata entro il 31 dicembre 1999 una soluzione coerente con quanto sopra, il personale sarà gestito secondo le modalità di cui al precedente punto b) sulle piazze di Roma e Milano.

Con la sottoscrizione del presente verbale le Parti si danno reciprocamente atto di avere anche esperito la procedura ex art. 47 L. 428/90 relativa ai negozi di Milano Buenos Aires e Roma Marconi di cui al precedente punto a).

Le Parti si danno inoltre reciprocamente atto che il confronto sindacale relativo ai contenuti del presente accordo si intenderà definitivamente concluso nel momento in cui verranno interamente completate le operazioni di dismissione e cessione delle unità nei termini sopra indicati, ivi compreso quanto previsto al punto c) per i negozi di Roma Cola di Rienzo e Milano Diaz.

Le Parti si impegnano a incontrarsi nuovamente entro il prossimo mese per verificare congiuntamente l’attuarsi dei punti precedenti. Per la gestione di quanto previsto nei punti precedenti verranno attivati confronti a livello territoriale con le strutture sindacali competenti.

Roma, 9 settembre 1999

L.C.S.

La Rinascente S.p.A.Filcams CGIL

Habitat Italia S.r.l.Fisascat CISL

Uiltucs UIL