La protesta degli anti McDonald’s A Mosca i giudici danno ragione a un dipendente punito, La Repubblica

La Repubblica 17 ottobre 2000

La protesta degli anti Mc Donald’s
In venti città italiane. A Mosca i giudici danno ragione a un dipendente punito


ROMA (d.o.) – In migliaia, sparsi in una ventina di città italiane, hanno manifestato per la giornata mondiale contro McDonald’s, che ha visto la partecipazione di centri sociali, associazioni ambientaliste e Rifondazione comunista. Alla multinazionale americana hanno rimproverato "la creazione di una società universale dei consumi costituita da quella nuova razza di uomini e di donne che sono i consumatori". La protesta si è svolta senza incidenti. A Roma, i contestatori dell’hamburger hanno innalzato un grande striscione con la scritta "McKiller" davanti al fast food di piazza della Repubblica. A Palermo c’è stata una distribuzione di panelle (focaccine di farina di ceci), a Firenze di trippa, a Napoli di fagioli e vino rosso.
A Mosca, intanto, il giudice Tatiana Fedosova ha dato torto alla McDonald’s nella disputa contro un suo dipendente, Evgheny Druzhinin, punito per presunte manchevolezze sul lavoro. Druzhinin aveva sostenuto che tutte le reprimende (sei nel corso dell’ultimo anno) erano tentativi per intimidirlo e farlo desistere dal proposito di sindacalizzare il suo posto di lavoro.