La nuova segreteria perde l’esponente della minoranza

21/07/2010

Una segreteria espressione della sola maggioranza interna. Le tute blu Cgil rinnovano il loro vertice e perdono l’unico esponente della corrente minoritaria. Fausto Durante-cheall’interno dei metalmeccanici sostiene la mozione moderata e maggioritaria nella Cgil – ha deciso di non far parte della nuova segreteria della Fiom. Lunedì l’ormai ex segretario nazionale ha chiesto l’apertura di un dibattito interno sui rapporti con la Cgil prima di procedere alla nomina del
vertice. Lo ha fatto con una dura contestazione alla posizione del segretario generale Maurizio Landini, definita «di opposizione e dissenso interno» quindi «non compatibile con una segreteria unitaria» perchè «rappresenta la volontà di portare avanti una logica di scontro frontale tra Fiom e Cgil». La nuova segreteria è adesso espressione della sola maggioranza interna ed è composta dal segretario generale Maurizio Landini, Giorgio Airaudo, Sergio Bellavita e Laura Spezia. Escono Giorgio Cremaschi e Gianni Rinaldini Arrivati a scadenza di mandato. «Il comitato centrale della Fiom – fa sapere il sindacato – ha inoltre eletto il presidente dell’organismo dirigente: con 11 voti contrati e 13 astenuti, sarà
Giorgio Cremaschi a ricoprire questo incarico»