La legge Biagi entra negli studi legali

11/05/2006
    gioved� 11 maggio 2006

    Pagina 57 – LA LEGGE

      Siglato il 3 maggio nuovo contratto collettivo nazionale dei dipendenti delle strutture professionali.

        La legge Biagi entra negli studi legali

          Arrivano job sharing e nuovo apprendistato. Ok al telelavoro

            di Ferdinando Nanni

              Negli studi legali arriva il nuovo contratto collettivo nazionale per i dipendenti.

                E gi� dal prossimo mese in busta paga arriver� un aumento medio del 5% della retribuzione rispetto a quella del mese scorso. Non solo. Segretarie e collaboratori vari potranno contare anche su un’assistenza sanitaria migliore e su fondi aggiuntivi per la loro formazione. Era dal 2001 che i sindacati dei lavoratori (Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltusc-Uil) e quelli dei professionisti (Consilp-Confprofessioni, Confedertecnica e Cipa) lavoravano per arrivare a un solo testo in grado di regolamentare tutta la materia: retribuzione, contratti, formazione, previdenza. L’accordo � stato firmato dalle parti sociali il 3 maggio 2006. Il Ccnl, per la parte normativa decorre dal 1� luglio 2004 e per la parte economica dal primo gennaio 2006.

                  Contratto valido fino a settembre 2007
                  In entrambi i casi il contratto sar� valido fino al 30 settembre 2007. Di conseguenza ai lavoratori spetteranno gli arretrati che vanno dai 145,02 euro per il livello pi� basso ai 241,48 euro per quello pi� alto. Che saranno liquidati in due trance: la prima sar� conteggiata nella mensilit� di aprile e la seconda a settembre.

                    Riforma Biagi in studio
                    Con il Ccnl arriva anche una radicale riorganizzazione della parte contrattuale con l’inserimento di nuove forme d’impiego previste dalla riforma Biagi. Come il lavoro ripartito. In questo caso due lavoratori potranno assumere un’unica obbligazione subordinata dividendo in maniera proporzionale la retribuzione. Altra opportunit� � quella del telelavoro. Che d� la possibilit� di lavorare anche da casa. Regolamentato l’apprendistato professionalizzante. Si tratta di una novit� molto attesa dai professionisti, i quali potranno assumere con questo contratto i giovani di et� compresa fra i 18 e i 29 anni a particolari condizioni economiche. Con il nuovo part-time si consentir� meglio di far fronte alle esigenze dello studio, anche in considerazione delle esigenze dei lavoratori gi� occupati. Per i flussi di lavoro stagionali ci sar� poi il contratto a tempo determinato.

                      Aumenti in arrivo
                      Quanto al rinnovo della parte economica gli aumenti (si veda tabella) variano dai 48,34 euro per i dipendenti che svolgono mansioni ausiliari (come il personale di servizio) agli 80,49 euro per i quadri. Nel contratto unico anche una serie di impegni programmatici. In materia previdenziale saranno migliorate, infatti, le prestazioni della Ca.di.prof, la cassa di assistenza sanitaria supplementare partita il primo gennaio 2005.

                        Fondo di previdenza complementare
                        E sar� costituito un fondo di previdenza complementare. Grazie alle risorse di Fondoprofessioni, inoltre, molto si investir� sulla formazione permanente e gratuita dei dipendenti per elevare la qualit� delle prestazioni. Nei prossimi giorni sar� firmato il secondo bando del fondo. Nuovi strumenti per migliorare le relazioni fra i rappresentanti dei lavoratori e quelli dei datori sono la Commissione paritetica nazionale, il gruppo di lavoro per le pari opportunit� e l’ente bilaterale nazionale di settore.